Temevo l’Udinese, ma…

Alla fine ieri non ho commentato la conferenza pre-gara di Pioli, ma se l’avessi fatto avrei scritto che temevo l’Udinese: squadra giovane, allenata da un allenatore giovane e soprattutto con diversi interpreti sconosciuti e sconosciuto il tecnico, che sicuramente è venuto in Italia perché vuol mettersi in evidenza con qualche idea nuova… magari poi si scoprirà che sono due/tre per le quali a metà campionato tutti hanno trovato le contromosse come con mago Sousa, ma al momento possono essere imprevedibili e pericolose. E poi l’ambiente nostro interno, bello carico per la larga vittoria alla prima, ma movimentato dalle contestazioni… insomma una situazione che poteva distogliere la concentrazione dalla gara. E la gara è stata davvero complicata: non è che Velazquez abbia fatto vedere cose particolarmente entusiasmanti, ma ha saputo annullare le due fonti di gioco viola Fernandes e Gerson (sicuramente anche un po’ meno brillanti di domenica scorsa), costringendo la Fiorentina a giocare sugli esterni e facendo spesso impostare a Milenkovic. La Fiorentina ha avuto qualche occasione, ma la partita era evidentemente chiusa. Lo era anche perché alla fine l’Udinese ha pressato da matti, ha picchiato, ha (con la complicità dell’arbitro) fatto in modo che nella prima ora il gioco effettivo fosse ai minimi storici. Niente di nuovo, ma temevo questa Udinese. Per di più Chiesa anche questa volta è partito molto diesel, Simeone ha fatto un grandissimo lavoro, ma non aveva mai la palla giusta in area, Eysseric non malissimo, ma poco pungente. L’ingresso di Piaja è sembrato dare un nuovo slancio, anche se non ha fatto cose grandissime. Il fatto è che (almeno oggi) uno dei limiti di tecnici come Velazquez è pensare che la gara possa essere costruita tutta a tavolino. Temevo l’Udinese, ma poi capita che da un calcio d’angolo contro, Chiesa parte dal limite dell’area, taglia in obliquo tutto il campo, fa un assist pallonetto a Benassi che si è fatto 80 metri a tutta la velocità e la mette al sette. Questo è quello che capita quando, oltre all’impostazione tattica, c’è l’interpretazione tattica, oltre che alle mansioni i giocatori possono mettere in mostra le proprie qualità. E Benassi è veramente l’elogio all’interpretazione tattica del ruolo di mezzala. Velazquez dice che era giusto lo 0 a 0, perché lui aveva in mente lo 0 a 0. Pioli invece ha provato a vincerla in tutti i modi, nonostante anche l’handicap di aver perso una sostituzione per l’infortunio di Lafont… e alla fine ha avuto ragione lui. Da sottolineare la sicurezza della coppia centrale, ben aiutata da Milenkovic (infatti Velazquez ha detto che era giusto lo 0 a 0, ma non ha detto che era giusto il pareggio, perché non ha mai tirato in porta…). Una nota di merito infine per Biraghi, che sembra essere partito con il piede giusto. Ieri ho visto la partita del Chelsea e mi sono accorto che Alonso è cresciuto ancora molto ed è un vero top player, forse secondo solo a Marcelo in quel ruolo: la vera forza di questi giocatori non è (solo) quella di occupare bene tutta la fascia, ma di farsi trovare anche come mezzala aggiunta. Diciamo che, sotto gli occhi di Mancini, Biraghi sta studiando da Alonso.

2 Commenti

  1. La Fiorentina non ha giocato bene ma ha giocato, l’Udinese non ha giocato proprio.
    E questa Fiorentina, l’abbiamo già intravisto l’anno scorso, è una squadra che non si vergogna se c’è da giocare di sciabola, e nemmeno di clava.
    Vedere Hugo che entra con il gomito alto sulla faccia di Behrami e lo stende ha un significato particolare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.