Fiorentina brutta e vincente

vitor hugo

Una brutta Fiorentina porta a casa tre punti contro l’Udinese e dimostra di saper soffrire per tutta la partita.

E’ innegabile che la partita contro la Fiorentina sia stata abbastanza scadente sul piano dello spettacolo e che la Fiorentina abbia giocato abbastanza male, ma dall’altra parte ha trovato un’Udinese chiusissima, che ha giocato fino al 73′ come se fossero gli ultimi minuti, cioé provando a non giocare e a perdere tempo in tutti i modi. Non a caso i nostri due portieri sono risultati inoperosi.

Adesso ci aspettano due settimane di lavoro sereno e l’obiettivo sarà quello di rimanere con i piedi per terra.

Quanto vorrei che Pioli si presentasse a Napoli con Veretout al posto di Eysseric e Gerson libero di giocare su tutto il fronte d’attacco.

Oro: Benassi

Medaglia di Orodue partite e due ori per Benassi che risulta ancora una volta decisivo realizzando un bellissimo gol. La mezzala pura a tutto campo, non bellisimo da vedere, ma dal cuore inesauribile e capace di mettere a segno qualche gol importante all’anno.
 
 

Argento: Hugo

Medaglia di Argentodopo cinque minuti entra deciso su Behrami e gli assesta un bel golino tanto per mettere in chiaro subito chi comanda a Firenze (quanto ci mancava un atteggiamento del genere). Poi, per tutta la partita non sbaglia niente, facendo valere la sua predominanza fisica e risultando ineccepibile nelle chiusure e nell’impostazione così come i suoi compagni di reparto.
 

Bronzo: Chiesa

Medaglia di Bronzonon gioca tanto bene confermando una condizione fisica ancora non perfetta ma non si risparmia ed ha il merito di servire l’assist al bacio per Benassi. Pioli dovrebbe dare a lui e Simeone qualche responsabilità difensiva in meno per fargli risparmiare un po’ di energie. Chiesa dovrebbe imparare a dialogare meglio con i compagni.
 

Una nota di merito speciale va ad Eysseric, che ha giocato una partita nettamente positiva rilasciando, finalmente, qualche barlume di speranza per un futuro più roseo.

Un passo indietro per Gerson che si conferma brasiliano talentuoso e altalenante mentre Fernandes si conferma un bel giocatorino, semplice, umile ed essenziale.

Il solito discorso a parte va fatto per il nostro centravanti di copertura Simeone, ormai abbiamo capito che invece che essere il primo ad attaccare è il primo a difendere e, sopratutto con le squadre che giocano il catenaccio, non ci esalterà con prestazioni qualitative ma quantitative. Lo aspettiamo nelle partite in cui ci sarà più spazio.

Partita positiva anche quella di Biraghi, che ha giocato da terzino molto fluidificante ed ha avuto la sfortuna di arrivare al tiro per due volte con il piede sbagliato.

1 Commento

  1. Se la Fiorentina è stata brutta, l’Udinese diventa qualcosa di inguardabile. Per il resto, comunque, condivido completamente l’analisi. Gerson ha fatto un sicuramente un passo indietro: lui forse meno concentrato (ha sbagliato palloni non impossibili… non per lui, a volte era fuori posizione), però avere marcatura ad uomo da uno come Berhami è una cosa che impari piano piano, era molta afa e, cosa che mi sono dimenticato di dire anche nel Post-gara, campo veramente brutto per giocare palla a terra. Speriamo che la sosta consenta di riportarlo ai livelli degni del Franchi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.