Ciao gigante viola

Ieri se ne è andato anche Giancarlo Galdiolo dopo una grave malattia (demenza frontale temporale) che lo aveva colpito quasi 10 anni fa. Ricordando la canzone di Pazzagli, se ne va un’altra grande anima viola, se ne va soprattutto prematuramente un altro pezzo della Fiorentina anni 70 ed anche in questo caso un velo di triste malinconia cala sopra quella che è stata la mia prima Fiorentina.

Ho due ricordi personali legato a questo giocatore, dal fisico possente, ma dalla faccia pulita: il primo riguarda il calcio giocato; siamo alla fine dell’anno 1977, in una stagione in cui la Fiorentina proprio non riesce ad ingranare; c’è Fiorentina Napoli, che rimane inchiodata sullo zero a zero, come inchiodata era la mia attenzione alla radiolina e tutto il calcio minuto per minuto. Poi un intervento abbastanza anonimo annuncia che la Fiorentina è passata in vantaggio con un calcio di punizione di Galdiolo… una bomba tirata, come si direbbe oggi, da casa sua da quanto era lontano. Ho provato a cercare in rete il video, ma non l’ho trovato. Ho visto però che, ironia della sorte, in porta del Napoli c’era Mattolini. Il secondo ricordo è più personale: ero stato allo stadio e come al solito mio zio mi portava ad un baretto defilato poco dietro bar Marisa, dove però passava qualche giocatore. Quel giorno arrivò proprio questo gigante, che ordinò un latte e menta: una miscela che mi colpì e da quel giorno quella è diventata un po’ la mia bibita segreta, che a casa ogni tanto, se ci sono gli ingredienti giusti, ricreo.

Per il resto, in questi giorni si sta leggendo fatti e magari scoprendo anche cose nuove da chi ha vissuto molto con questo personaggio, in primis Antognoni e Roggi. E allora non rimane che esprimere le condoglianze anche da parte di iotifofiorentina.net e salutare Giancarlo Galdiolo: ciao gigante viola.

1 Commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.