Saper difendersi non è un difetto

Devo dire che sono rimasto abbastanza sconcertato da commenti e valutazioni che si leggevano e si sentivano ieri sui media e sui siti vicini alla Fiorentina: Pioli deve aver il coraggio di mandare questa squadra più all’arrembaggio, perché è giovane, ha gamba, ha qualità ecc ecc. Insomma, l’esatto contrario di quello che si diceva poco più di un anno fa, quando per necessità (o per virtù) l’unico modo che avevamo per difenderci contro squadre più forti era quello di aggredirle, fare pressing alto, cercando poi ripartenze in zone avanzate del campo e quindi anche potenzialmente pericolse. Era l’idea di gioco di Montella, un po’ esasperata da Sousa, da una parte perché non avevamo grandi giocatori bravi a difendere, ma anche perché gli stessi allenatori non avevano grandi competenze difensive. E la prima cosa da cui è ripartito Pioli è stata proprio la difesa, in cui non a caso sono stati fatti i maggiori investimenti e d’altra parte era quello che una tifoseria intera chiedeva. Con squadre come il Napoli nell’era MOntella-Sousa abbiamo visto forse le partite più spettacolari, ma abbiamo raccattato sempre poco, perché alla fine abbiamo fatto il loro gioco sul quale sono evidentemente più forti. La Juve lo scorso anno è andata a Napoli, ha fatto una partita completamente difensiva, ha fatto 2 contropiedi, in uno ha sbagliato il gol, nel secondo l’ha fatto, e ha vinto lo scontro diretto. E la Juve non l’ha fatto solo con il Napoli, ma ogni volta era in difficoltà. Perché saper difendersi non è un difetto; è anzi una potenzialità enorme in un campionato come questo che sembra essere davvero ritornato molto equilibrato, almeno sotto la primissima fascia. E la Fiorentina ha buoni difensori e buona organizzazione difensiva e da qui dobbiamo ripartire. E devo dire non sono d’accordo con Simone, che il gioco di Pioli è difendersi e buttarla avanti… questo era il gioco di Trapattoni con Bati. La Fiorentina ha degli assi, sicuramente molto verticali, ma che passano o dalle linee centrali (in cui Gerson, Veretotut e Benassi dovrebbero essere i maggiori interpreti) o sulle fasce con Biraghi e Chiesa. C’è riuscita poco a Napoli, un po’ per gli errori nostri, un po’ perché comunque Allan, Hamsik, Zielinski rimane uno dei centrocampi più forti d’Europa. Per questo penso che domani Pioli cambierà poco, forse solo Pjaca (e qui in effetti è giunta l’ora). HO letto addirittura “Gerson fuoco di paglia”. Non so cosa sarà in grado di fare Gerson nel campionato, non so come sta Gerson oggi, ma se sta bene è giusto che sia confermato anche il centrocampo con Veretout e Benassi e valutare magari sabato prossimo se dare spazio a Norgaard e/o Fernandes.

Come sempre, dopo aver criticato in lungo ed in largo campagna acquisti, la rosa, i braccini ecc, improvviamente questa squadra sembra piacere a tutti (sembra che sia sempre piaciuta a tutti) e tutti si sentono in diritto di giocarci come meglio crede… tanto se si rompe i cocci non sono suoi.

2 Commenti

  1. Ma non sapere attaccare si!!!

    A me il non-gioco di Pioli mi va bene, con un centravanti che non ha tecnica di base è chiaro che non si può pretendere di più. A me quello che non va giù di Pioli, come tanti altri transitati a Firenze, è che pretenda di affrontare il Napoli con la stessa formazione e lo stesso tipo di impostazione con cui abbiamo affrontato Chievo e Udinese.

    Hai scritto “Allan, Hamsik, Zielinski rimane uno dei centrocampi più forti d’Europa” ed è quello che penso anche io e, per questo, avrei fatto proprio come Allegri, mi sarei coperto con l’impostazione e con gli uomini: Fernandes e non Eysseric (un anno di niente).

    Però difendi Pioli che di fronte ad uno dei centrocampi più forti d’Europa gioca con Veretout all’esordio, il solito povero Benassi pensa a tutto te, e Gerson, che si è subito capito essere un centrocampista propenso all’attacco e non alla difesa. Quindi il centrocampo lo lasciamo in mano a loro e, di conseguenza, la partita. Avessimo avuto due Chiesa sarei stato zitto, ma visto che ne abbiamo solo uno ripeto, mettere Eysseric e non un altro centrocampista è stato un errore. Ed è stato tremendo confermare in campo il francese nel secondo tempo dove ha passeggiato tutto il tempo.

    Per stasera prevedo l’ingresso di Pjaca, chiesto a gran voce da tutti, ma sono curioso di vedere se il centrocampo a tre sarà formato da tre centrocampisti veri oppure verrà schierato un terzo incomodo alla Gerson.

    Dispiace non poterla vedere perché immagino una partita difficile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.