Mezzo bicchiere

Da una partita come quella di stasera e soprattutto da un risultato come quello ottenuto dalla Fiorentina al Marassi si esce sempre con sensazioni contraddittorie. Pioli dice di essere soddisfatto della prestazione e della diversa impostazione data dai giocatori rispetto a Napoli. Ed in parte ha ragione, perché la Fiorentina ha dominato il primo tempo e, anche se nel secondo tempo la Samp ha cercato di attaccare e prendere in mano la partita, in realtà occasioni e gol sono nati in modo abbastanza estemporaneo, in fasi della gara dove i giocatori di Pioli sembravano controllare bene la partita. Un pareggio a Marassi contro una Sampdoria che(come succede sempre alle squadre di Giampaolo) ha iniziato in gran palla la stagione è alla fine un buon risultato. C’è però il mezzo bicchiere che rimane vuoto, quello che non ci ha fatto gustare fino in fondo la supremazia manifestata nel primo tempo, dove le occasioni avute ci dovevano portare almeno al doppio vantaggio. Nel mezzo bicchiere vuoto c’è anche il calo di prestazione nella ripresa, che però (un po’ come successo a Napoli) ha visto calare soprattutto la pericolosità dei viola piuttosto che la pericolosità della Samp, anche perché la Fiorentina ha dimostrato di sapere difendere bene anche quando si abbassa nella propria tre/quarti. Venendo ai singoli, in netta crescita e non poteva essere diversamente Veretout, sicuramente molto bene nella fase di interdizione, migliorabile in fase di impostazione. Non male, ma un po’ alterno, Fernandes nel ruolo di mezzala, mentre ancora una volta in difficoltà Gerson, ad oggi vero anello debole della catena. La difesa ha fatto ancora una volta una partita molto buona: peccato che non sia riuscita a scalare veloce sul cambio di campo nel gol del pareggio (comunque inaspettato perché avvenuto in un recupero palla e cambio gioco improvviso di Barreto). Una nota di merito per il cross perfetto di Biraghi. In attacco, bene Chiesa, impeccabile Simeone, anche se ha sbagliato un paio di buone occasioni, ha segnato un gol da centravanti vero e questo ragazzo ci darà delle belle soddisfazioni. Pjaca ha mostrato di avere numeri, oltre al dribbling, ha dimostrato di andare ad attaccare bene anche l’area di rigore. Ha avuto due ottime occasioni, sulla prima è stato spreciso, sulla seconda sfortunato per la ottima parata. Infine MIrallas, entrato nella ripresa: un atteggiamento un po’ timido, ma si sono visti alcuni spunti che fanno ben sperare, sia per la grinta, sia per le qualità. Per chiudere una parola sul modo di essere di Pioli: in modo pacato, educato, ha detto però chiaramente che far giocare la Fiorentina sabato alle 18:00, dopo aver forzato un recupero infrasettimanale la settimana prima del turno infrasettimanale è un’ingiustizia, perché un trattamento che riguarda solo la Fiorentina e che evidentemente la penalizza.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.