Da Toldo brieffato agli avvertimenti a Chiesa

Martedì sera ero molto arrabbiato per quanto successo a San Siro, sia per la beffa del risultato ingiusto per quanto fatto dalle squadre, sia per l’atteggiamento dell’arbitro e le sue decisioni sugli eventi determinanti. Pensavo però che, aihmè come molte altre volte, bastassero un po’ di ore per smorzare i toni di tutti. Invece la polemica ha avuto un andamento contrario e, vuoi per i titoli dei giornali, vuoi per alcuni interventi anche di personaggi non direttamente coinvolti, il caso nella giornata di ieri non si è smorzato per niente.

Hanno parlato in tanti, tutti più o meno d’accordo sulla prestazione inaccettabile di Mazzoleni, al di la dell’episodio del fallo di polpastrello che può avere davvero mille interpretazioni. Volevo soffermarmi però su due aspetti. Il primo è l’intervento di Toldo a Radiobruno che, mi dispiace dirlo, mi ha messo un po’ di tristezza: ovviamente tutti conosciamo il valore sportivo ed umano di questa persona giustamente premiata a San Siro, però ieri era palesemente brieffato. E’ evidente che, in quanto dipendente dell’Inter, ieri sia stato autorizzato a partecipare alla trasmissione con il mandato di far passare per proprie opinioni la posizione ufficiale dell’Inter nel tentativo di difesa della propria vittoria, ovvero: il rigore c’era perché il pallone cambia traiettoria (posizione di Spalletti); Chiesa tende a buttarsi, senza entrare nel merito dei falli determinanti che hanno visto manata in piena faccia con sanguinamento gengive, pedatone clamoroso su anticipo del viola, spintone plateale di Politano (posizione già espressa da Asamoha). Tutto questo ovviamente fa rabbia e tristezza, ma la cosa che più mi preoccupa è invece la sensazione che ci sia un po’ di accanimento generale su Chiesa. E’ evidente che (nonostante tutti vedessero un gran futuro nel ragazzo) c’è la percezione che stia sbocciando (nelle mani della Fiorentina) un vero talento. Impressionante per esempio la percentuale di voti (52%) che ha preso come uomo partita Sky in una gara che vede la Fiorentina perdente e ospite per di più contro una squadra che ha un numero di tifosi molto superiore. Preoccupano in particolare certi fatti, come quello di beccare anche nelle fasi iniziali di gara ammonizioni per falli anche veniali, come tollerare un certo numero di falli subiti, prima di far scattare ammonizione agli avversari. E ciliegina sulla torta, la lega dichiara autogol il tiro comunque indirizzato verso la porta di Chiesa, perché dopo averlo visto 20 volte, ha capito che forse il giocatore dell’inter sul quel tiro voleva fare una giocata sofisticata di rinvio e magari rilancio in contropiede…

Chiudo con i corsi e ricorsi storici; molti hanno ricordato quanto successo lo scorso anno a San Siro. Io voglio citare invece la sesta giornata (la stessa di martedì) del campionato 2012-2013, giocata il 30 settembre al Meazza dalla prima Fiorentina di Montella: risultato 2 a 1 per l’Inter, che va in vantaggio con rigore su fallo di mano dubbio di Gonzalo ed espulsione altrettanto discutibile dello stesso Gonzalo, nel momento in cui la Fiorentina sembrava aver la forza di recuperare… direi un dejavu. C’è da dire che quella era un Inter che aveva ancora la pancia piena delle scorpacciate di campionati e triplete, mentre quella di oggi ha la pancia vuota e le tasche piene di debiti da ripianare… però per la statistica, quell’Inter finì esima e la Fiorentina quarta.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.