Spremuti alla meta

Diciamo subito che la Fiorentina raggiunge questa vittoria con una prestazione sottotono, subendo per buona parte l’aggressività dell’Atalanta, non meritando nel gioco espresso dalle due squadre i tre punti. Possiamo dire senza problemi anche che il rigore è stato generoso e che potremmo capire il rammarico dell’avversario. Però dobbiamo al tempo stesso sottolineare lo stile cafone della società Atalanta, del suo presidente e soprattutto del suo allenatore. Offondere pubblicamente gli avversari per ipoteteici torti arbitrali è quanto di più antisportivo e, appunto, cafone si possa trovare nello sport. Fra l’altro, se l’episodio del rigore penalizza l’Atalanta, l’arbitraggio di Valeri non è stato certo pro-viola: ha fatto giocare molto, ha tollerato (come accade spesso con le squadre di Gasperini) interventi al limite del fallo (e a volte oltre), ha ammonito con giusta misura. E intollerante è anche l’attacco a Chiesa di Gasperini (e in qualche modo sponsorizzato anche da Sky): Chiesa corre, lotta, prende un sacco di botte, a volte le da e come fanno tutti tutti tutti gli attaccanti… anzi tutti a prescindere e probabilmente dopo tutti, nelle male parate come è toccato cade. E’ evidente che è partita una campagna mediatica che vuole tarpare le ali a questo ragazzo, che sta iniziando ad attirare l’attenzione del mondo intero. Puntuale, ottimo direi, anche oggi l’intervento di Cognigni.

Venendo ai contenuti tecnico-tattici, come detto la Fiorentina ha subito l’aggressività ed un po’ anche il giro palla dell’Atalanta, con Gomez spostato appositamente da Gasperini a destra a metà fra Hugo e Biraghi. La Fiorentina non è quasi mai riuscita a ripartire e a costruire con pericolosità. Oltre che per i meriti dell’Atalanta, il problema è stato soprattuto la non lucidità di Chiesa e Simeone, la rinuncia precoce a  Benassi (che non era però partito bene), l’imprecisione/lentezza di Gerson e l’isolamento di Pjaca. Per gran parte della gara l’unico a reggere il ritmo e la forza dell’Atalanta è stato Veretout. Sicuramente Chiesa e Simeone avevano ingannato in questi giorni Pioli, che li ha per la quinta volta consecutiva in due settimane (e dopo il tour nazionale) messi in campo dal primo minuto: i due ragazzi sono stati quasi sempre imprecisi, in ritardo, timidi. L’ingresso di MIrallas (sicuramente meglio di Pjaca) sembra aver dato una svegliata almeno al nostro Federico, che ha trovato una falcata d’orgoglio con cui è andato a procurarsi il rigore. La nota veramente positiva che viene dalla giornata è invece la solidità della nostra difesa, anche quando è molto pressata e poco filtrata dal centrocampo. Come già detto, questa è la vera novità della gestione Pioli… una novità come ipotizzavamo che ci può far vincere anche partite sofferte, giocate malino ed in affanno come quella di oggi. Causa anche il gran caldo, i giocatori viola sono arrivati veramente spremuti alla meta, con crampi, boccheggiando, ma con la voglia di portarsi a casa questi tre punti. E alla fine c’ha pensato il nostro Cristiano a pennellare una punizione perfetta al sette.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.