Ci stiamo intristendo

La giornata piovosa, un po’ uggiosa, tipica di fine novembre, ha contribuito a rendere ancora più triste l’ennesimo pareggio della Fiorentina. Un pareggio che come al solito lascia i viola e tutti i tifosi con l’amaro in bocca, perché molte sono state le occasioni sprecate. E arriviamo quindi subito al problema Simeone. Il problema è semplice e complesso al tempo stesso: non segna. Ovviamente la stampa si è accanita con voti di frustrazione, che la prestazione di ieri non merita. Certo difficile dare la sufficienza, però l’argentino, a parte un tiro velleitario all’inizio, è arrivato a tre conclusioni nello specchio che non sono risultati vincenti per un pelo. Quel pelo di tutto (fortuna, precisione, determinazione, coraggio, cattiveria) che forse manca al cholito per riprendere il suo cammino. La partita della Fiorentina non finisce comunque qui. C’è stata un’ottima occasione del nostro bomber Benassi, che da ottima posizione manda a lato di un soffio. C’è il palo di Milenkovic, oltre ad una sua bomba bloccata bene e qualche conclusione di Chiesa. Insomma, siamo ritornati alle classiche 6/7 occasioni sprecate; troppe per sperare di vincere le partite, tante comunque per affermare che questa squadra è in crisi. Il problema è che ci stiamo intristendo. Davanti all’occasione sprecata, magari per sfortuna o poca precisione, vince l’atteggiamento di sconforto o, peggio, sorriso amaro. Ci stiamo intristendo un po’ anche nelle giocate, ovvero rischiamo sempre meno e sbagliamo sempre di più quando dobbiamo essere determinanti. Il problema è spesso nell’ultimo passaggio, ma in generale anche in certe ripartenze dove spesso andiamo con il freno tirato e la “gambina corta”.

Entrando più nel merito tattico della partita, Pioli lancia Ceccherini al posto di Pezzella. Ritenevo che la scelta fosse giusta per non screditare l’impostazione con Milenkovic terzino destro e la risposta dell’ex Crotone è stata buona (tanto da meditare anche un maggior turn-over, magari con Hugo).  Non mi è dispiaciuto Gerson come tre-quart-ala, ovvero con libertà di svariare dal centro verso la destra. Rimangono queste sue movenze a volte un po’ snobbanti, ma la sua partita ieri è stata buona. Da questa idea rimane però un po’ sacrificato Chiesa, che va a sbattersi spesso con le avanzate di Biraghi. Però se il terzino viola impara ad accentrarsi (come fa adesso Alonso nel Chelsea), la cosa inizia a diventare molto interessante. La difesa ha retto bene come al solito, concedendo solo una conclusione pericolosa al Bologna, dove comunque Lafont è stato molto bravo. Il centrocampo si è mosso infine con le solite incursioni di Benassi, le qualità di centro-mediano metodista di Veretout ed il compitino di Fernandes. Compitino per compitino, proverei davvero a mettere Norgaard centrale e riportare Veretout sulla mezzala. E’ iniziata però una settimana particolare e probabilmente non è l’occasione giusta per cambiare o peggio ancora stravolgere. E’ la partita giusta, invece, per tirare fuori tutta la rabbia e la frustrazione che c’è in questi ragazzi. Poi, come sempre, i conti si faranno con tutti alla fine: con chi ha fatto mercato, con chi allena, con chi gioca… ed anche con chi ha già iniziato da settimane a dare sentenze.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.