Vittoria ineccepibile… ma grazie VAR!

La Fiorentina ha strameritato la vittoria e non ha rubato niente. Punto. Rimane il fatto che con un arbitro scarso, forse anche volutamente severo con i viola, senza il VAR saremmo usciti sconfitti ed anche un po’ con le ossa rotte. Perché nella sostanza il signor Pairetto dopo mezzora aveva già ammonito tre giocatori della Fiorentina al primo e normale fallo di gioco. Ha tranquillamente sorvolato sul mezzo rigore su Chiesa nel primo tempo. Soprattutto aveva completamente chiuso gli occhi sul netto fallo di Felipe su Chiesa, oggetto dello scandalo. Dobbiamo dire grazie al VAR, che almeno su questo errore ha consentito un rewind che di fatto ha determinato la partita.

Venendo alla gara, la Fiorentina fin dal primo minuto ha cercato di schiacciare la Spal, riuscendoci molto bene nella prima parte, arrivando ripetutamente vicino alla rete. Nel giro di pochi minuti però riesce a regalare un paio di palle velenose a limite della nostra area. Su sbaglio di Lafont, rimedia Hugo. Su errore di Biraghi, inutile il miracolo di Lafont. Per fortuna prima della fine del tempo, Fernandes pesca un altro jolly dal limite. Anche nella ripresa il pallino è in mano ai viola. Gerson è abbastanza ispirato, Veretout e Fernandes danno buoni ritmi e si arriva spesso in area avversaria.  Poi arriva appunto l’azione del rigore. A parte che la Spal ha continuato a giocare nonostante Chiesa dolorante a terra, sulla destra è stato un po’ leggerino Laurini e la difesa non era piazzata al meglio. Comunque, a parte qualche distrazione, non è dispiaciuta la prova di Ceccherini-Milenkovic-Hugo.  Dopo il rigore l’assedio della Spal ha consentito un coast-to-coast di Simeone alla Muriel che di fatto chiude la gara. A proposito del colombiano, anche oggi un po’ in ombra, anche se molto sfortunato in occasione della traversa. Alla fine c’è gloria anche per Gerson, che ruba palla all’ultimo difensore e arriva da solo davanti a Viviano.

Per chiudere, vorrei di nuovo stigmatizzare le frasi del presidente contro Chiesa. Sembra diventato lo sport nazionale. Direi un modo inaccettabile di scaricare una frustrazione, cercando di attaccare un talento puro del nostro calcio. Spero che questa volta la Fiorentina (o la famiglia) si faccia sentire anche in modo più formale.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.