VAR a VAR

Partenza sprint viola, gol, VAR, gol. Rinvio sbilenco viola, rilancio, gol, VAR, gol. Entrambi sul filo del fuorigioco con una spalla che ti salva (o ti toglie) la vita. Poi tanta Fiorentina, con pressing a centrocampo, ripartenze e le solite giocate e tiri sbagliati sprecando buone/ottime occasioni. Alla fine, giocata di Politano e con due tiri l’Inter va al riposo in vantaggio. E riecco la VAR. Cross in area, rinvio, si gioca, si continua… VAR rigore. Nonostante Dio Spalletti (ovvero l’unico che ha la verità assoluta su tutto) abbia deliberato, il rigore è molto dubbio, perché c’è la spinta (seppur minima) di Vecino, perché il braccio è davanti al viso. Poi la VAR annulla giustamente la rete a Biraghi. In questa fase la Fiorentina va in bambola, però viene rianimata da una bomba di Muriel.  La Fiorentina a questo punto ce la mette tutta. Al 96-esimo, cross, VAR, rigore, gol… 3 a 3. L’intervento è molto dubbio, ma nonostante il teatrino imbarazzante a SKY fra Spalletti e Caressa, rimane un minimo di dubbio, perché D’Ambrosio abbassa molto la spalla e la sensazione è che un po’ il braccio tocca. Il teatrino dura un sacco di minuti, con il tecnico toscano che come solito profeta la verità e Caressa che lecca il c**o. Possiamo dire sicuramente che è la giusta chiusa alla doppia sfida e citando il sommo Spalletti: diciamo brava all’Inter e prendiamoci questo punto comunque prezioso.

Due parole sui singoli: male Gerson, che ha avuto anche due buone occasioni. Simeone bravo per la sua presenza e determinazione, anche nel gol… ma aveva sbagliato anche quel gol. Bene ancora il centrocampo e tutto sommato non male la difesa. Bellissimo il gol di Muriel, che ha sbagliato però due/tre giocate che potevano diventare pericolose. Assente completamente ingiustificato Marko Pjaca. 

1 Commento

  1. Per quel poco di partita che ho visto io mi verrebbe prima di tutto di fare i complimenti alla mezza difesa non titolare che non ha fatto rimpiangere quella titolare.

    Mi allineo al giudizio su Gerson che spero non venga riconfermato e, chiaramente, sono concordo con quello su Simeone, lo scarpone d’oro.

    Non ho mai capito e continuo a non capire perché la Fiorentina faccia un pressing assurdo nella metà campo avversaria e poi dia spazio nella propria lasciando giocatori come Politano indisturbati al tiro.

    Però la Fiorentina ha un gran cuore, è riuscita a pareggiare nonostante giocasse in 10 nel primo e in 10 nel secondo tempo. Quando Corvino riuscirà a trovare un allenatore bravo a giocare sempre in 11 iniziermo a divertirci.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.