Fiorentina da rincorsa

Non ho visto la partita. Ho praticamente visto il risultato del primo tempo (ed ho avuto sussulto di gioia perchè avevo captato lo 0-2). Ho visto che eravamo 2-3 a metà secondo tempo e che avevamo pareggiato alla fine. Considerando le partite in campionato (Samp, Chievo, Spal, Inter) e la partita di stasera, possiamo senz’altro dire che abbiamo una Fiorentina da rincorsa. E sembra questo il fil rouge della stagione. Stiamo rincorrendo in campionato una posizione Uefa, dovremo rincorrere a Bergamo la qualificazione alla finale di coppa Italia. Fino ad ora una cosa è certa: la Fiorentina da rincorsa vende cara la pelle. Per il resto, ho solo sentito e letto un po’ di commenti, vedendo solo le azioni dei gol. Criticata la marcatura di Hugo su Ilicic, dopo che per anni abbiamo criticato Ilicic. Criticata la posizione di Dabo come laterale (terzino?). Mi sembra si sia sentita la mancanza di Fernandes (che però era probabilmente a corto di energie). Sicuramente incerto Lafont. Indomito Chiesa, benino gli altri. Il fatto è che Atalanta e Fiorentina in questo momento sono in grado di fare e disfare di tutto con tutti e quindi è normale che i loro scontri diretti si muovano su un sottile filo di lana. Le combinazioni del calendario hanno fatto si che a distanza di tre giorni queste squadre si incontrano di nuovo a campo invertito. Ma penso sarà una partita molto diversa dal ritorno della semifinale, perché cambiano le motivazioni ed i ragionamenti: la Fiorentina vincendo, supererebbe l’Atalanta in classifica. Se l’Atalanta vincesse, potrebbe riequilibrare il discorso scontri diretti e comunque allontanare i viola dal settimo posto. Ed il pareggio alla fine non sarebbe un danno per nessuna delle due. Per il ritorno invece servirà la Fiorentina da rincorsa, ma soprattutto, a distanza di due mesi, sarà una partita in cui verosimilmente il contesto sarà molto cambiato. Soprattutto gli interpreti potranno essere diversi. In particolare, la Fiorentina sperabilmente avrà di nuovo il suo capitano, di cui mi sembra se ne senta davvero tanto bisogno.

Per chiudere: bellissima la coreografia per Davide Astori. Fastidiose, volutamente provocatorie, secondo me perseguibili le parole di Gasperini su Chiesa. E’ evidente che voglia eccitare il tifo bergamasco per disturbarlo al massimo già domenica prossima. Penso che Chiesa sia davvero superiore a questi giochi antisportivi. Spero che lo possa dimostrare proprio nella tana del lupo.

2 Commenti

  1. Ma comeee!!!???? Con il tuo idolo in campo.

    Per me l’unico criticabile, come sempre da un po’ di partite a questa parte, è Gerson. Che ha grandi potenzialità, ha un’ottima tecnica, ma gioca con lo spirito della partitella scapoli ammogliati in spiaggia. Infatti il buco grosso per tutto il primo tempo è stato dalla sua parte.

    Un po’ di critiche vanno anche a Pioli ha proposto uno schema mai visto e continua a chiedere il pressing assurdo fino al limite dell’area avversarsia. Se la Fiorentina limitasse quel pressing assurdo e sfiancante migliorerebbe certamente il suo rendimento.

    Certo però che la Fiorentina di Pioli ha proprio una bell’anima grintosa e un gran cuore. Non molla, protesta con l’arbitro e picchia. Mi verrebbe proprio da dire che i nostri picchiano come fabbri e lo fanno anche a furbi. Per questo devo dire bravo a Pioli. Perché non si decide a fare qualche aggiustamento tecnico e a scaricare definitivamente la gente come Gerson e Pjaca?

    Sui singoli tutti bravi escluso Gerson, Dabo ha fatto il possibile visto i limiti tecnici, Ceccherini bene, Milenkovic forse ha ragione Pioli a farlo giocare laterale (ancora non è maturo a sufficienza). Lafont ha cappellato in pieno la respinta sul terzo gol ma ha fatto un bel miracolo sul primo tiro deviato del bradipo sloveno.

    Una nota speciale, specialissima la vorrei riservare allo scarpone d’oro Giovanni Simeone. L’azione del terzo gol l’ha costruita lui. Ha controllato un ottimo pallone a centrocampo e poi lanciato in corridoio Chiesa. Ho contanto cinque tocchi di palla più un passaggio in profondità tutti giusti per Simeone. Non l’avevo mai visto fare in un anno e mezzo. COMPLIMENTI!!!

  2. Se vogliamo essere didascalici, contro la Spal ha fatto 80 metri palla al piede, controllando sempre ottimamente il pallone, mettendo il corpo a difesa per il rientro del difensore e battendo in modo freddo Viviano. Uno è un caso, due una coincidenza… alla terza è legge 🙂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.