Inferiori

La sconfitta di oggi pone un grosso muro fra la Fiorentina e l’ultimo posto disponibile per andare in Uefa. Non solo per i 5 punti che ci separano dal settimo posto, ma perché siamo stati sicuramente inferiori ad una squadra, l’Atalanta, che oggi è comunque all’ottavo posto in classifica. Inferiori sul campo e sulla panchina. Pioli ha voluto giocare a scacchi con  Gasperini e questa volta ha nettamente perso. Ha messo le barricate sulle fasce ed ha preso i primi due gol con incursioni centrali, in particolare di Gomez, che andava a mettere puntualmente in inferiorità i due nostri centrocampisti. E’ vero che la Fiorentina ha dimostrato di essere abbastanza eclettica, ma è anche vero che il centrocampo a tre è stato sempre un marchio di fabbrica, oltre a dare più solidità.

Detto questo, questa sconfitta ha anche qualche attenuante (oltre l’errore tattico di Pioli). E’ la terza partita veramente dura giocata in meno di una settimana. E’ un momento molto difficile per Milenkovic, che sembra al tempo stesso distratto e nervoso. C’è stata anche un po’ di sfortuna nei primi due gol, fra la deviazione del tiro innocuo di Ilicic e la scivolata di Pezzella sull’azione di Gomez. Positivo comunque il rientro del capitano, che ha reso innocuo Zapata. La Fiorentina sicuramente non meritava di finire in svantaggio il primo tempo. E nella ripresa un buon momento viola si è spento nell’incrocio dei pali preso da Chiesa.

E a proposito di Chiesa, ha dimostrato ancora una volta di essere un campione a 360°. Ha accettatto con tranquillità gli attacchi del pubblico aizzati ad arte da Gasperini nelle settimane precedenti, mantenendo sempre lucidità. Già, perché se Pioli ha qualche difetto tattico, il collega atalantino è lontano un abisso dalla signorilità e dalla sportività del nostro tecnico. E Chiesa, nonostante tutto, è stato fermato da un eccellente Gollini e appunto dalla traversa, altrimenti lasciava il segno anche stasera.

Diciamo che la Fiorentina a Bergamo ha perso la partita meno importante. Non so se i viola avranno modo di recuperare in campionato. C’è però il tempo di ritrovare la solidità del reparto difensivo e la quadratura generale per ritornare a Bergamo con qualche certezza in più.

Per chiudere, nel giorno dedicato a Davide Astori, bellissimma l’immagine a fine gara di tutto il tifo che canta il nome del Capitano insieme alla squadra, come avessimo vinto noi.

1 Commento

  1. Non ho visto la partita. Mi dispiace che Pioli si confermi un allenatore che sul piano tecnico non è all’altezza, perché giocare con il centrocampo a due vuol dire non essere all’altezza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.