Punto d’orgoglio

Stasera la Fiorentina porta a casa, con la Lazio, un punto d’orgoglio, anche se purtroppo ci allontana ancora di più dall’Europa. Almeno quella che si raggiunge arrivando fra le prime sette del campionato. Un punto d’orgoglio perché davvero la squadra di Pioli sembrava non aver le forze per contrastare la Lazio. Nel primo tempo la supremazia della squadra di Inzaghi è stata netta e solo grazie a Terracciano il passivo è stato minimo. Davvero quasi ottimo l’esordio dell’ex portiere empolese. Sicuro in porta e sicuro anche nelle uscite. Il quasi nasce dal fatto di non aver avuto neppure il tempo, la reazione, la spinta per buttarsi nel gol di Immobile, che però ha tirato una vera mina dai 16 metri. Pioli ha detto che aveva un po’ di giocatori malconci e forse è vero. Chiesa era uno di questi, uscito prima della mezzora. Anche questo ovviamente ha inciso sulla prova opaca dei viola. Nel primo tempo da sottolineare anche l’ennesima prova sottotono di Milenkovic, che però nella ripresa è cresciuto. Nella ripresa con Mirallas al posto di Fernandes e con un Simeone pimpante, la partita è però cambiata. Bella l’azione di Mirallas ed il tocco al volo di Muriel per il pareggio. Bella la progressione del cholito, che mette un’ottima palla sprecata malamente da Mirallas. Alla fine questa è stata la migliore occasione della ripresa. Negli ultimi 10 minuti la Fiorentina non ne aveva più e la Lazio ci ha provato di nuovo. L’orgoglio viola però ha retto fino alla fine, senza neppure troppo affanno.

Ovviamente non è stasera che la Fiorentina deve ricriminare per la sua posizione. Lo ha detto anche Pioli a fine gara. Il tecnico viola ha voluto difendere il suo operato, ha voluto sottolineare come questa squadra paghi ancora i suoi errori di gioventù. Ha sottolineato come abbia lavorato per migliorare tutti i ragazzi in rosa. Ha detto che non dobbiamo demoralizzarci perché ci sono due mesi tutti da vivere, compreso ovviamente il ritorno di Coppa Italia a Bergamo. Ha anche detto però che ha deciso il suo futuro. Il che significa probabilmente che la direzione tecnica non è allineata con quanto detto dal tecnico e che probabilmente a giugno ci sarà un nuova revisione tecnica. Se così fosse, quello di stasera è a maggior ragione un punto d’orgoglio. Ma ancora non è tempo di mollare.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.