A terra

Nella prima partita di Montella qualcuno ha visto qualche segnale positivo nel gioco e nell’atteggiamento della squadra viola e forse è vero. Però è altrettanto evidente che questa squadra era ed è veramente a terra. E questo in qualche modo giustifica la scelta della proprietà di cambiare la panchina, non tanto per il campionato, quanto per provare a giocarci questa semifinale di Coppa Italia, che rimane nonostante tutto un bel traguardo della stagione. La Fiorentina è a terra nel suo stato d’animo (e questo lo aveva detto subito Montella), ma lo è anche in alcuni suoi giocatori. Il primo forse è proprio Muriel, su cui si erano riposte molte speranze a gennaio. L’impatto del colombiano a Firenze non è stato male, ma adesso è in difficoltà. Nonostante i colpi ci siano ancora, sembra giocare con superficialità. Non penso però sia questo il suo atteggiamento, quanto un’effettiva difficoltà ad entrare mentalmente nella partita. Può essere un po’ la stanchezza, può essere il disagio verso un modo di giocare che ancora non ha ben capito e che forse è anche cambiato più volte in pochi mesi. Per questo sono fiducioso sul suo recupero con Montella. A terra è perennemente Gerson, che si limite a fare 2/3 cose a partita. A questo punto della stagione penso seriamente che le presenze in campionato del brasiliano siano legate anche ad accordi con la Roma. E questo ovviamente giustificherebbe anche un po’ di insofferenza notata in alcuni, in particolare Benassi. Per quanto riguarda Veretout, alla fine la sua prova non sarebbe stata neppure male, ma ha finito in grande difficoltà. Visto che non ci sono i tempi (e forse neanche i margini tecnici) per tirare in ballo Norgaard, penso che Montella dovrebbe contare su Fernandes, Veretout e Benassi, con Dabo a dare una mano quando c’è da lottare in mezzo al campo. Due parole infine su Simeone. In questo momento il suo impiego allontana Chiesa dalla porta e questo è sicuramente uno svantaggio. Detto questo, l’attaccante argentino, più che a terra, ha perso un po’ la sua identità. Chiamato per metà campionato a fare il centravanti di difesa, si è trovato alla fine senza gol e senza un’idea tattica precisa. Eviterei per ora però di dare sentenze su questo attaccante, perché a questa età si sono sbagliati tanti giudizi sulle punte. Per il finale di stagione penso sia giusto vederlo come sostituto di Muriel. Poi, d’estate, dovremo capire prima di tutto cosa farà Chiesa.

1 Commento

  1. Guai a vincere la prima!!!

    Tanto la classifica ormai è andata, l’unica partita rimasta è la semifinale con l’Atalanta, le altre serviranno a fare le valutazione per l’anno prossimo.

    Spero veramente che nel contratto di Gerson non ci sia inserita una clausula del genere, sarebbe veramente triste per noi, spero invece che Montella l’abbia schierato perché è il più forte tecnicamente e che lo faccia fuori perché è il meno interessato al risultato. Mi dispiacerebbe veramente tanto che Montella rinuciasse a Benassi senza mai schierarlo in campo. Il nostro centrocampo titolare, come dici, è Benassi, Veretout, Edmilson. Dabo primo ricambio. I due in attacco da far giocare sempre sono Muriel e Chiesa. In difesa quattro decenti riusciamo a schierarli quasi sempre.

    Poi servirebbe l’undicesimo uomo in campo, che è sempre mancato sia con Pioli che con il mago Portoghese: a volte un centravanti vero e d’attacco grosso fisicamente (ci proviamo con Vlahovic?), a volte un rifinitore/cucitore (Gerson solo sulla carta), a volte una seconda punta (Mirallas a corrente alternata), a volte un centravanti di difesa (Simeone una certezza!), a volte un pedataro a centrocampo.

    Come tutti spero che Montella faccia il miracolo di portarci in finale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.