Pioli è persona perbene

Pioli è una persona perbene e tutta Firenze lo ricorderà sempre con affetto per quello che ha fatto come calciatore e come persona.

Come allenatore è stato tecnicamente penoso perché la Fiorentina non ha mai messo in evidenza un tipo di gioco che non fosse quello di fare pressing altissimo e tanti lancioni lunghi in avanti, praticamente palla lunga e pedalare. Infatti, fino a che i giocatori hanno avuto la forza, la voglia e il coraggio di pedalare e di portare il pressing altissimo la Fiorentina si è mantenuta in una posizione di classifica decente. Quando, logori fisicamente e mentalmente, hanno abbassato il livello di pressing, la Fiorentina è piano, piano scivolata giù in classifica.

Fino a che, dopo la partita con la Lazio, la persona perbene Pioli, capitano della barca, capo della truppa, leader dello spogliatoio, ha fatto delle dichiarazioni libera tutti e, dopo Cagliari, ha ribadito. Quindi la società è stata costretta ad intervenire per richiamarlo all’ordine e ricordargli che il suo contratto sarebbe scaduto dopo qualche mese. Qualsiasi datore di lavoro con un qualsiasi dipendente alle proprie dipendenze avrebbe fatto lo stesso.

E’ chiaro che le dichiarazioni di Pioli sul suo futuro, quelle che sono state lette da tutti come il rompete le righe della stagione, siano arrivate quando si è reso conto che non sarebbe stato riconfermato: che pretendeva Pioli, dopo due anni penosi, di essere riconfermato?

Perciò, se oltre a non essere bravo tecnicamente, non se la sentiva più di tirare il gruppo ha fatto bene a dimettersi. Ce lo ricorderemo come una persona perbene.

2 Commenti

  1. Direi che è tutto tristemente condivisibile. Pioli non è l’uomo per il salto. Una canzone di Silvestri diceva: uno’, dué, uno’, dué… mi manca sempre un poco il tre. Ecco, a Pioli sembra mancare anche il due. E’ bravo a porre le basi, a creare il gruppo, a dare una prima idea di gioco, a coinvolgere la squadra. Sa lavorare molto bene in background, si perde però poi sul palcoscenico principale.
    Forse sarebbe un ottimo secondo, ma ovviamente questo sarà un suo pensiero e per questo gli facciamo un grosso in bocca al lupo.
    Montella per me è stato il miglior allenatore dell’era Della Valle, anche meglio di Prandelli… e spero quindi vivamente che non macchi questo ricordo.

  2. Addirittura meglio di Prandelli… Diciamo che se avesse puntato su Toni, come fece Prandelli, lo sarebbe stato certamente. E poi aveva una squadra certamente migliore.

    Montella avrà l’occasione per fare qualcosa la seconda volta, non è un’occasione da poco. Riuscirà a far tesoro dell’esperienza precedente?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.