Oltre la fine

Dopo serate come quella di ieri sera, in cui la Juventus è stata eliminata in modo netto da una squadra di giovani, ma bravissimi, giocatori, appaiano ancora più nette le cose che alla fine ci distinguono dal mondo bianconero. Prima di tutto ovviamente la possibilità di giocare con una certa frequenza queste partite. E questa ovviamente è una cosa che non ci fa stare bene. Vincere da’ sempre incredibili botte di adrenalina. Ma partite come ieri sera dimostrano anche che è pericoloso crescere e vivere nella cultura della vittoria. La vittoria è un esito, non un modus operandi. Si può cercare di migliorarsi continuamente, di superare anche ostacoli ritenuti proibitivi, di chiedere sempre il massimo alle proprie capacità. E alla fine questo è quello che chiede quasi sempre la tifoseria gigliata, a parte qualche caso di inasprimento o di frustrazione. Questo in realtà è quello che chiedono gran parte delle tifoserie. Ed invece “fino alla fine” cantano a ripetizione e come mantra i tifosi bianconeri, perché alla fine ci si aspetta che ci siano sempre loro. Poi capita che la fine arriva al 67° di una partita con un gol di un ragazzo di 19 anni. E oltre la fine allora c’è il silenzio di uno stadio (ovviamente non la parte olandese), che non sa neppure spingere i propri giocatori fino alla fine di una partita. Ronaldo che incita il pubblico per un maggiore sostegno. Tutti che scappano a fine gara, neppure un applauso. E’ sempre vivo dentro di me il ricordo della semifinale al Franchi contro il Siviglia nel 2015. Brutta batosta interna, dopo la netta sconfitta in Spagna. La squadra si raccoglie in mezzo al campo, ma non partono gli applausi, ma solo fischi. Penso che alla luce anche di quello che è successo negli anni a seguire, molti tifosi viola si siano pentiti di quella scelta, perché comunque fino alla fine ci avevano provato ed una semifinale è sempre un traguardo importante. Spero che questo non accada di nuovo a Bergamo se le cose dovessero andare male perché possiamo discutere le qualità tecniche, le scelte tattiche, ma non possiamo dire che questi ragazzi non abbiano onorato la maglia. Per chi canta “fino alla fine” c’è sempre un day after, per chi crede prima di tutto nei colori della maglia indipendentemente da tutto, c’è sempre un altro giorno.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.