…un nuovo inizio!

montella-corvino-antognoni

Mi ricollego all’ultimo scritto di Davide, a quella partita c’ero anche io e quei fischi di cui parli, secondo me, non erano rivolti alla squadra ma a Montella: troppo saccente, troppo presuntuoso e troppo sicuro di sé. Tanto da poter pensare di essere così bello e così bravo da poter ambire a chissà quali panchine, chissà quali palcoscenici.

Infatti, ha avuto la possibilità di allenare anche altrove: anonimo a Genova, esonerato a Milano con una Supercoppa Italiana (Ranieri da noi vinse anche la Coppa Italia), esonerato a Siviglia dove è andato dalle stelle alle stalle. Le sue squadre giocano benino ma quando c’è da lasciare il segno non lo fanno.

Non dimentichiamoci nemmeno che nel finale dell’ultimo anno alla Fiorentina disse che le ambizioni di Firenze non potevano che essere limitate. Oggi è tornato a mangiare nel piatto dove, praticamente, aveva sputato. Che segno sarà?

Si è parlato di un diretto coinvolgimento di DDV nella scelta di Montella, sarebbe il primo allenatore scelto con Corvino ma non da Corvino. E Corvino rimarrà? Io spero di si, perchè Montella non è bravo a scegliere i giocatori. Mario Gomez docet su tutti.

E, per tornare a quei fischi, quanti saranno stati rivolti per la partita persa con il Siviglia e quanti per il ribaltone in Coppa Italia contro la Juventus? Avrà imparato Montella che le partite non si vincono solo di fioretto? Avrà capito che la vittoria a Torino non fu frutto solo del funambolo Salah ma anche del randellatore Kurtic?

Ecco, nella risposta a quest’ultima domanda c’è il futuro di Montella a Firenze.

Buona Pasqua a tutti.

1 Commento

  1. In questo caso devo dire che concordo su poco: ci fu l’ovazione sul rigore sbagliato da Ilicic, i fischi al tiki taka viola che cercava (senza una punta vera… perché alla fine Montella nonha mai avuto una punta vera) di penetrare una difesa ermetica. E se è stato Della Valle a chiamare Montella (non penso sia accaduto il viceversa), forse perché alla fine se nei modi e nei tempi la frase sulla dimensione del tecnico era sbagliata, nella sostanza si è dimostrata, negli anni successivi, la triste realtà. Montella era ambizioso, ma penso lo sia tuttora… alla fine ha allenato un Milan alla deriva (Gattuso fatica a tenere il 4° posto con investimenti 10 volte superiori a quelli fatti per Montella), la Samp che è squadra media ed un Siviglia comunque ridimensionato, entrando a stagione avviata. Spero anche io comunque che sia cresciuto anche lui… come spero che Corvino torni alle sue terre, e arrivi qualcuno che sappia re-interpretare le sue idee (di base comunque valide) in un ottica più moderna e magari anche un po’ più stimolante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.