Segnali

Nella gara passarella scudetto pre-pasquale si è visto in realtà molto più Fiorentina di Juventus. Come al solito poi hanno vinto loro, perché gli basta mezzo tiro in porta per fare due gol, mentre noi abbiamo sprecato ottime occasioni per segnare, riuscendo a buttarla dentro solo con un rimpallo e con un difensore. Ci sono stati comunque segnali incoraggianti. Si è visto un buon gioco in contropiede, ma direi più in generale, un buon gioco in ripartenza. L’azione del nostro gol, infatti, arriva con difesa della Juve schierata, con recupero palla a centrocampo e buona verticalizzazione. Buoni segnali anche da alcuni singoli a partire da Chiesa che ha preso palo e traversa con due ottime conclusioni dalla distanza e ha di fatto fornito assist per il gol. Buona anche la prova di Dabo che si sta piano piano conquistando un posto per la semifinale di giovedì. Segnali non buoni invece per quanto riguarda la concretezza negli ultimi 20 metri. Spero che con Muriel al posto di Simeone le cose giovedì siano diverse. Comunque anche Chiesa in ripartenza deve acquisire maggiore lucidità, quando si tratta di giocare in superiorità numerica. Milenkovic bene dietro, ma (a parte il gol anche un po’ fortunoso) imbarazzante nelle fasi di possesso palla. Ancora un po’ acerbo Hancko, che comunque merita di essere analizzato e valutato in modo più prolungato e focalizzato. Preoccupa un po’ l’apatia calcistica di Veretout, anche se non penso che Montella possa fare a meno del francese. Segnali sono arrivati anche dal pubblico bianconero, che ha applaudito Chiesa alla sua uscita dal campo, visto che con Ronaldo a suo tempo la cosa aveva funzionato. Per il momento, però, come dice Montella il ragazzo veste la maglia viola e dovrà condurre la battaglia nella gara di ritorno a Bergamo. I segnali da Torino ci dicono che la squadra viola è viva. Solo a Bergamo capiremo quanto è anche tecnicamente e mentalmente forte.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.