Dai Della Valle a Rocco Commisso (e Joe Barone)

Rocco Commisso

Era il 14 Aprile 2002 quando fu matematica la retrocessione della Fiorentina di Cecchi Gori ed iniziò l’era Della Valle. Ricordo che a quei tempi fui molto contento del loro arrivo perché mi sembravano persone serie e molto potenti economicamente. Oggi, 17 anni dopo, mi sento solo di ringraziare i DV per come hanno condotto la Fiorentina in tutto questo tempo, è vero che non hanno vinto niente, ma hanno creato una delle società di calcio italiane maggiormente organizzate. Con l’aiuto certamente di Corvino e di Vergine. Più l’aiuto di tanti altre persone, tra cui Cognigni, Prandelli, Montella e tanti altri dietro le quinte.

I Della Valle si sono scontrati prima con i poteri forti del calcio italiano, qualcuno sparito (Moggi e Galliani), qualcuno ancora saldamente in sella (Lotito e Agnelli-Elkann); contro cui non hanno avuto la forza di poter competere, né la forza economica, né la forza politica, né, certamente, la voglia di impegnarsi in un giochino troppo rischioso economicamente e politicamente. Il loro unico azzardo economico è stato Gomez che si è rivelato un bidone galattico.

Quando poi i Della Valle si sono resi conto che il giochino economico era diventato troppo elevato, hanno chiesto aiuto a Firenze e, dopo tre anni, dello stadio non c’è nemmeno l’ombra. A Torino lo hanno contruito in un anno. Perché? Perché i DV non sono così potenti e non hanno gli amici giusti. Oltre a questo sono persone che si sono sudati tutti gli euro che possiedono, non come Vittorio che era nato ricco.

Infine ci sono stati i tifosi, quelli con l’anello al naso, quelli “manovrati” dai giornalai, quelli che si lamentavano che Corvino non sapeva parlare l’italiano ecc. ecc. E i Della Valle, dopo anni di insulti gratuiti dalle persone a cui, fondamentalmente, hanno fatto solo un grandissimo servizio negli anni, hanno accolto la proposta americana e hanno venduto.

Una cosa più di tutto va riconosciuta ai Della Valle, sono arrivati che la Fiorentina non c’era e l’hanno restituita a Firenze sana, giovane e organizzata.

Adesso la palla passa a Rocco Commisso che, fin dalle prime parole, evidenzia una netta differenza di stile rispetto ai Della Valle. In bocca al lupo! A lui, a noi e alla Fiorentina!

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.