Welcome Rocco e… grazie Della Valle

Avrei pouto semplicemente commentare l’articolo di Simone, dicendo che ero pienamente d’accordo, o magari metterci un “like”. Vorrei però inquadrare quei concetti, secondo il mio punto di vista.

Prima di tutto Welcome Rocco! Il benvenuto è d’obbligo, l’entusiasmo naturale, direi quasi scontato conoscendo Firenze ed in fondo anche giusto. Al di la dei pro e contro Della Valle, almeno a partire da febbraio tutti i tifosi viola hanno sofferto molto ed avevano necessità di una svolta. Rocco Commisso (ed i suoi fratelli) sono stati anche molto abili in questi giorni nella comunicazione, con frasi che sono musica per le orecchire dei tifosi viola. Direi anche molto strategico: non faccio promesse, ma dico che voglio competere con la Juve e faccio lo stadio in pochi anni. Non mi piace licenziare, ma ci vorranno un po’ di giorni per fare tutte le scelte. Chiesa è nostro, almeno così mi hanno detto. E poi la grande sorpresa, che per il momento veicola verso una tournè americana, che però ai tifosi penso interessi poco. E per finire, solo buone parole per i Della Valle, perché nel mondo business si fa così, ma anche perché non è stupido e sa bene che gran parte del tifo era ancora con i fratelli marchegiani.

E per quanto mi riguarda, ritengo doveroso dire un grande grazie ai Della Valle. Grazie perché hanno riportato in vita ed in serie A la Fiorentina. Grazie perché hanno portato a Firenze grandi giocatori ed ci hanno fatto vivere almeno 9 anni di gran calcio e di soddisfazioni. Grazie perché hanno dato un nuovo impulso al settore giovanile. E’ vero che i trofei delle giovanili interessano poco, ma a partire dalla fine degli anni 2000 la primavera viola ha ricominciato a sfornare diversi giocatori per il calcio professionistico, con ovviamente le punte di eccellenza che sappiamo. E grazie anche per aver avuto l’onore di portare il calcio femminile alla ribalta.

Grazie ai Della Valle ci sono per me anche dei punti di non ritorno. Ovvero, dei modi di fare calcio da cui come tifoso farei veramente fatica a regredire. Parlo di uno stadio sempre più inclusivo. Parlo di una vera lotta contro la violenza negli stadi. Parlo del rispetto degli avversari. Seppur tifosa quanto vogliamo, parlo di una dirigenza che capisca quando la situazione economica inizia a precipitare e che il fallimento di una società di calcio è la maggior mancanza di rispetto per il popolo dei tifosi.

Molta opinione pubblica e a dire il vero anche parte della stampa sta liquidando (alcuni in modo anche scorretto) in modo molto sbrigativo l’era Della Valle, perché c’è l’esigenza di essere nel nuovo carro. Ma finita la luna di miele, dovremo farei i conti anche con quei punti di non ritorno. Se oltre a questo Rocco ci porterà anche grosse soddisfazioni e qualche trofeo nella bacheca, sarò il primo a dire Grazie Rocco!

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.