Ricominciamo… dalla comunicazione!

Dopo la sbornia di euforia per l’avvio dell’era Commisso, le botte di adrenalina nel vedere NewYork tinta di viola ed il presidente presidiare nel giro di un mese più eventi fiorentini di quanto abbia fatto la famiglia Della Valle in 15 anni, un po’ bolliti dal calore e dall’afa di questi giorni, siamo di nuovo all’avvio della stagione. Ricominciamo. Un invito, in primis della nuova proprietà. Lo stesso slogan per la campagna abbonamenti è “Riprendiamo il nostro posto”. Ovvero un ammicco ai tifosi per dire, ricominciamo un discorso interrotto non a giugno, ma un po’ di anni fa. Anche un personale (riguardo al blog) punto di domanda. Ricominciamo? Abbiamo la voglia e l’energia per raccontare, commentare una nuova generazione di Fiorentina? Ancora non lo sappiamo. Certo il cambio di paradigma è evidente. La frase della proprietà può completarsi così: ricominciamo… dalla comunicazione. Questa proprietà sta comunicando tantissimo. Ha parlato tanto Commisso. Ha iniziato a parlare Barone. Ogni tanto parla tramite Basile, un po’ il cantastorie della nuova proprietà. E oggi ha parlato Pradé. Premesso che è veramente una bella persona e lo dimostrano le parole (non dovute) per i Della Valle, cosa ha detto Pradé? Riassumerei così:

  • Pavoletti, De Paul, Inglese, Bennacer sono troppo cari per la Fiorentina.
  • Veretout vuole andare dove si va in Europa
  • Chiesa, boh?
  • Prima bisogna vendere e si inizierà a comprare dal 10 agosto, ovvero ad una settimana dalla prima partita di coppa Italia e soprattutto a 2 settimane dall’avvio del campionato.

Spero di non passare da Leccavalle affermando che se queste cose le avesse dette Corvino, ci sarebbero state mille edizioni speciali per chiederne la fine di Savonarola.

Sinceramente non so quanto il tifoso medio sia contento di questo tipo di comunicazione. Certo Pradé ha dimostrato di essere molto bravo anche a comprare bene con prezzi bassi (… ma anche male a volte). Potrebbe essere anche solo strategia per “governare meglio il mercato”, lasciando intendere quindi che la comunicazione alla fine lascia il tempo che trova e quello che conta sono i fatti.

Insomma i dubbi sono molti… penso sarà un luglio pieno di dubbi. Ricominciamo?

 

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.