Subito brividi con il Monza

maglietta da brividi

Alle 18.00 puntualissimo accendo sul canale 57 (Rai Sport HD) pieno di brividi di entusiasmo per la nuova Fiorentina. Pubblicità, faccio quindi un giretto e dopo due minuti mi risintonizzo sul 57. Galliani!

Porc… Putt… Brividi di rabbia. Ricambio subito canale, faccio passare almeno cinque minuti e poi rimetto sul 57. Galliani di nuovo!

Porc… Putt… Maia… Possibile che la Rai non abbia di meglio da offrire? Il Monza gioca in serie C, noi in serie A. La Rai manda in diretta dieci minuti di intervista al presidente della squadra di serie C. Cattivi presagi uniti a sconcertanti riflessioni.

Alla fine del primo tempo sono di umore nerissimo, il Monza è giustamente in vantaggio, noi giochiamo sotto tono, sotto ritmo, sotto concentrazione. Il nostro centrocampo è assortito malissimo, Pulgar fuori ruolo, Benassi a correre per tutti come quando c’era Pioli, Badelj(*) in cabina di regia a dettare i tempi. Tempi da moviola.

Attacco con Boateng che fa pena, Chiesa e Sottil che si accendono ad intermittenza e non aiutano dietro. Forse Chiesa anche un po’ “disturbato”. Difesa nuovissima e giovanissima che ogni tanto va in bambola.

Il secondo tempo inizia come era finito, la Fiorentina giochicchia e corricchia, il Monza si difende senza affanni. A metà ripresa la svolta: Brocchi toglie Chiricò che fino a quel momento navigava indisturbato tra le linee e sembrava Maradona. Poi Montella, al 30-esimo, mette dentro Vlahovic e Montiel che in 15 minuti ribaltano il risultato con un paio di giocate semplicissime. La semplicità è padrona ovunque.

Brividi anche alla fine, di goduria quando inquadrano un mestissimo Galliani sul 3-1. Sicuramente ci aveva creduto.

Alla fine tutto perfetto: turno passato, tifosi e proprietà contenti e giovani alla ribalta.

Sabato c’è il Napoli, se scenderemo in campo con quella formazione e quell’atteggiamento saranno brividi ghiacciati.

(*) E’ andato via da Firenze per 100.000 euro ma vi è tornato per amore. (Alla Lazio non giocava mai)

1 Commento

  1. Giochicchia e corricchia fu anche il commento all’intervallo di Fiorentina – Udinese, esordio in campionato della Fiorentina di Montella nel 2012, con Udinese in vantaggio per uno a zero. Spero che anche questo sia un buon segno 🙂
    Per quanto riguarda Badelj, anche a me la cosa tecnicamente non mi fa impazzire. Ma lo scorso anno il giocatore neo-laziale era in tribuna a vedere Fiorentina Chievo e quindi penso che dietro al suo addio ci siano stati tanti elementi a noi sconosciuti. E se Montella vuole ancora un play-maker, non penso che la Fiorentina potesse permettersi tanto di meglio.
    Per il resto, sottoscrivo quanto scritto da Simone.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.