Il ritrovato piacere di poterci incaz….

Come era nei pronostici, la Fiorentina esce sconfitta dall’esordio con il Napoli. Era facile immaginarsi, però, che la Fiorentina di Montella non fosse quella amorfa vista nella primavera 2019. E potevamo ben sperare che fosse meno impacciata di quella vista all’esordio in Coppa Italia con il Monza. Ci ha però piacevolmente sorpreso vedere una Fiorentina aggressiva, pimpante ed a tratti anche molto bella mettere in grande difficoltà una squadre forte e già collaudata come quella di Ancelotti. E visti gli episodi, in particolare le decisioni arbitrali già commentate da Simone e da tutti i media, questa è una sconfitta che brucia. Al tempo stesso, il ritrovato piacere di poterci incazzare difronte a queste decisioni ci ha messo ulteriore adrenalina addosso e la voglia di vivere intensamente questa nuova avventura viola. Era infatti dai primi mesi di Sousa e, andando ancora più indietro, proprio dal triennio montelliano che non vivevamo sensazioni di orgoglio e rabbia, di soddisfazione e rammarico. Il tutto, arricchito dal fatto di avere nella formazione titolare diversi giovani del vivaio. E da sottolineare sono proprio le prestazioni di Sottil e soprattutto Castrovilli, che ha giocato con una personalità ed una qualità da giocatore vero… sarà veramente lui la mezzala che cercavamo?

Ovviamente la Fiorentina ha mostrato anche alcune debolezze che speriamo gli ultimi giorni di mercato e la mano di Montella possano alleviare. Ci sono state alcune giocate individuali sbagliate, come l’uscita di Milenkovic, e qualche marcatura approssimativa di Venuti e Badelj. C’è però da registrare meglio la fase di non possesso e soprattutto i filtri a centrocampo. C’è inoltre da ritrovare i gol delle punte. Badelj sembra un po’ arrugginito, ma penso sia giusto dargli il tempo di ritornare in condizione. Molto buona invece la prova di Pulgar.

Detto questo, Pradé sembra avere fra le mani i nomi giusti per 2/3 ruoli da rinforzare. Dobbiamo ancora vedere il vero Ribery. Badelj, Boateng e lo stesso Chiesa devono ancora trovare la forma migliore. E c’è un bel gruppo di giovani che scalpita. Insomma, ripartiamo dal piacere di poterci incazzare, con la speranza che presto ri-arriveranno soddisfazioni anche dai tabellini delle gare.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.