Chi ben inizia…

Il sorteggio del calendario non c’è stato certo amico. Al tempo stesso il festival del gol e del bel calcio di sabato scorso ci aveva fatto sentire una squadra importante. La sconfitta di stasera ci far ri-precitare però sul pianeta campionato, dove prima di tutto contano i punti. E dopo la miseria del finale dello scorso anno, la Fiorentina è ancora al palo. Contro il Genoa, purtroppo, la Fiorentina ha fatto rivedere le lacune viste con il Napoli, vedendo però ben poco di positivo. Andiamo in netta difficoltà quando si deve correre all’indietro, concedendo superiorità numerica anche in azioni manovrate, gestite in verticale. Questo dipende certamente da un centrocampo leggero, dove Badelj è ancora in netta difficoltà. Il migliore, non solo del centrocampo, è Castrovilli, che per il momento è il vero acquisto a valore aggiunto. Dipende anche dai terzini a volte un po’ troppo alti. Al tempo stesso, ancora una volta la formula con il falso nove Boateng non ha dato buoni risultati. Mandiamo pochi giocatori in area di rigore e soprattutto le occasioni create sembrano sempre un po’ estemporanee. Il Genoa avrebbe potuto anche dilagare. Con l’ingresso di RIbery e Vlahovic le cose sono subito cambiate, anche se gli avversari erano palesemente stanchi. Dragowsi ha dimostrato di aver bisogno di essere dentro la partita. E’ stato infatti lento sul gol di Zapata, è stato poi molto bravo in diverse conclusioni del Genoa. Pulgar a corrente alterna, Chiesa molto diesel (problema di testa o di gambe?).

Vediamo ora cosa succede in queste ultime ore di mercato. Sembra probrabile l’arrivo di una punta (Pedro); forse arriverà anche un’altra ala. Se però la vera novità di Montella, rispetto a sette anni fa, è quella di giocare spesso sovra-ritmo, mancherebbe davvero una mezzala di gamba e grinta, perché Badelj sembra un po’ avulso, almeno in questa fase. In realtà, queste furono le sensazioni anche quando il croato arrivò a Firenze e quindi potrebbe aver bisogno di tempo. Allora la Fiorentina però già viaggiava a buon ritmo. E sappiamo bene che chi ben inizia… è a metà dell’opera. Noi invece siamo al palo e le prossime due avversarie si chiamano Juve e Atalanta.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.