Subito a parlare dell’arbitro

arbitro massa
arbitro massa

Prima di campionato e subito l’arbitro ruba la scena. 🙁

Ad un certo punto di sabato ero talmente entusiasta e voglioso di Fiorentina che mi sono lasciato andare alla decisione di andare a vedere la partita con il Napoli. Un rapido controllo alla disponibilità dei biglietti e sono tornato indietro sulla decisione: nessun posto in curva fiesole, 60 euro per un posto altissimo e bruttissimo in maratona lato Napoletani, 80 per un posto decente di maratona, 90 uno di parterre. Per una questione di principio non posso spendere 80 euro per una partita di calcio di campionato quasi sicuramente persa.

Però alle 20.45 ho avuto la fortuna (?) di trovarmi a cena posizionato di fronte a Sky. Pronti, via e rigore per noi. Rigore strano ma nettissimo secondo le nuove regole. La Fiorentina gioca bene, tiene il ritmo alto e gioca alla pari con il Napoli. Sullo scadere del primo tempo, Badelj conferma perché non giocava alla Lazio, fa fare a Mertens l’unica cosa che non doveva, girarsi sull’interno e tirare. Il tiro è bello, ma Dragowski ci mette del suo e il Napoli pareggia.

Passano tre minuti e l’arbitro fischia rigore per un fallo su Mertens che sembra evidente. Subito arrivano le immagini del replay che mostrano invece come sia evidente il tuffo di Mertens su Castrovilli. Invece no, in cinque arbitri riescono a vedere rigore dove rigore non c’è. La partita potrebbe finire anche qui, il calcio potrebbe finire anche qui. Per fortuna che mi sono rifiutato di spendere 80 euro, almeno io miei non li hanno avuti.

La partita prosegue spettacolarmente, la Fiorentina continua a giocare bene, alla pari del Napoli, ma il Napoli è una squadra più esperta e più cinica, sicuramente anche più forte e non sbaglia nessuna delle occasioni. La Fiorentina fa più gioco, il Napoli fa più ciccia.

Sul 3-4 altro episodio da Var, Hysaj trattiene evidentemente Ribery all’ingresso dell’area di rigore. Non era rigore ma era evidentissima la punizione dal limite dell’area. Per l’arbitro e i suoi colleghi al Var non c’è niente.

Rocco, che aveva iniziato alla balaustra, finisce a lamentarsi dell’arbitro. Sarà mica un film già visto?

Mi verrebbe anche da dire: “Benvenuto Rocco, questo è il campionato italiano. Oltre a metterci i soldi, a scegliere i giocatori giusti, a farli lavorare, c’è bisogno anche di altro, di una lunga mano dentro le stanze che contano.”

Nicchi, plenipotenziario dell’AIA, ieri sera alla domenica sportiva ha dichiarato che quello su Mertens non era fallo ed ha fatto i complimenti a Pradè per le sue dichiarazioni ha caldo sull’episiodio. Che segno sarà?

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.