Mezzo sorriso

Stasera contava solo vincere, la Fiorentina ha vinto e quindi dobbiamo festeggiare. A dir la verità Montella ci aveva anche avvertito che sarebbe stata una partita ostica e bruttina. Riesco però a fare solo mezzo sorriso, perché stasera ho avuto l’impressione che la Fiorentina fa ancora fatica a macinare il suo gioco con una certa velocità con squadre avversarie dietro la linea della palla. E fa fatica anche ad uscire con possesso se siamo pressati. E questo ovviamente diventa critico se davanti non hai una punta di peso. E se è vero che Badelj soffre quando i ritmi sono alti e a volte gli manca un po’ di lucidità, è però quello che si propone sempre per ricevere palla, che non si nasconde, che accorcia. Lo stesso fa Castrovilli, però quando l’azione è già avviata e nella metà campo avversaria. Sono per ora un po’ perplesso da Pulgar, che spesso mi sembra nel posto sbagliato. Non so se è problema di ruolo. Però in questo momento sembra sempre che a centrocampo manchi un tassello per rendere il gioco fluido. E qualcosa manca anche sulle fasce, specialmente sulla destra. Per ora Lirola non è sicuramente all’altezza del prezzo pagato. Nel 3-5-2 gli esterni sono fondamentali ed è importante anche la loro azione di cucitura con il centrocampo. Lo spagnolo sembra invece che sia abituato ad andare molto in verticale, avanti o indietro. Un po’ meglio Dalbert, anche perché dalle sue parti gira spesso Ribery, che in questo momento è regista, tre-quartista, punta, allenatore e motivatore di questa squadra. Preoccupante anche il terzo gol subito da palle inattive. Stasera ho visto un po’ in affanno anche Milenkovic e Caceres. Da non dimenticare comunque che l’incontro di Bergamo di soli 3 giorni fa è stato anche per loro molto dispendioso.

La vittoria, oltre a 3 punti fondamentali, si porta comunque anche buone cose ed in particolare la conferma di Castrovilli, la crescita di Chiesa e la classe di Ribery. Ed anche Sottil è entrato con il piglio giusto. Per fortuna il risultato finale ci fa prendere con leggerezza le due presunte simulazioni di Lirola e Sottil. Personalmente qualche dubbio mi rimane. Prendiamo anche questa decisione con mezzo sorriso, sperando davvero di essersi scrollati di dosso un po’ di negatività, perché domenica c’è il Milan e probabilmente la necessità di fare un po’ di turnover.

1 Commento

  1. Questa vittoria vale come un’oasi nel deserto perché se non avessimo vinto stasera i critici di Montella sarebbero aumentati di numero e di genere, oltre ai giornalisti e agli ex-calciatori, sicuramente sarebbero arrivati tanti tifosi. Probabilmente anche io. 🙂

    Le mie critiche a Montella sono sempre le solite. La prima è Boateng, che per fortuna stasera non ha giocato. La seconda è Badelj, che va bene contro le squadrette, ma non è ammissibile contro le prime dieci della classifica. Stasera abbiamo rivisto in campo Benassi dopo l’infortunio, si deciderà Montella a giocare con i tre di centrocampo Benassi-Pulgar-Castrovilli?

    Oltre alla vittoria, questa sera le note liete arrivano da alcune conferme: il 3-5-2 almeno come modulo di partenza garantisce un buon equilibrio e toglie qualche compito difensivo di troppo ai nostri due terzini fluidificanti, Castrovilli è un bel giocatore in uno splendido stato di forma, ci mancava un centrale come Caceres, Chiesa e Ribery lasciati liberi di agire con tanto spazio sono pericolosi.

    Nelle partite in cui si dovrà osare di più sarà necessario rinunciare ad un centrocampista, Badelj, o ad un difensore per inserire il centravanti che spero essere Vlahovic o Pedro. Boateng solo per gli assalti finali.

    Domenica andiamo ad incontrare il Milan che ha un valore tecnico paragonabile al nostro ma ambizioni, pressioni, facilitazioni stellari rispetto a noi. Capiremo se Montella ha trovato per davvero il bandolo della matassa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.