Sassolini

Ieri ho voluto seguire a video la conferenza di Montella, per cercare di capire come sta vivendo questo momento delicato. L’ho visto teso. Direi giustamente teso, perché, ripeto, è un momento più critico per lui e per la sua carriera, più ancora che per la classifica della Fiorentina. Però anche abbastanza lucido. La cosa evidente è che ha molti sassolini nella scarpa. E si percepisce la grande voglia di togliersi questi sassolini. Non a caso ha tirato in ballo ex calciatori, oggi commentatori più o meno improvvisati che non hanno risparmiato critiche sulle sostituzioni. Ha tirato in ballo certi giornalisti, che oggi vedono in lui l’unico canale per criticare, perché ovviamente oggi è inpopolare criticare società, dirigenti e mercato. Certo, Montella si porta dietro una serie impressionante di risultati negativi. E probabilmente la cosa che gli sta pesando di più è stata proprio la sua scelta di arrivare a Firenze in una situazione disastrosa, diventando immediatamente parte del problema.

Devo dire che ritengo condivisibili le argomentazioni e le affermazioni di Montella riguardo l’attuale situazione. Squadra molto cambiata (negli interpreti, ma anche nelle idee di gioco), calendario davvero ostico, una partita sbagliata (Genova) che alla fine è quella che ha reso tutto subito critico ed anche un po’ di sfortuna, che non guasta mai. E stasera quindi mi aspetto una prova di orgoglio e di sostanza da parte della Fiorentina. I giornalisti hanno idee confuse sullo schieramento. Si va da formazione sicuramente confermata a quasi certo il 4-3-3, con fuori Dalbert e dentro una (falsa?) punta. Spero ovviamente che Montella le idee chiare le abbia e penso che ci sia spazio per Vlahovic dal primo minuto; al posto di chi dipende secondo me molto anche dalle condizioni fisiche, in particolare di Dalbert e Ribery. Al di la delle previsioni tattiche, la vera speranza è che da stasera il mister possa iniziare davvero a togliersi qualche sassolino, perché ovviamente fin quando non vince alla fine hanno ragione gli altri. Ed è un attimo che i sassolini nelle scarpe, da potenziali piccole soddisfazioni da togliersi passo dopo passo, possono diventare oggetto di grande sofferenza e dolore per il cammino in viola dell’allenatore.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.