Accesi a San Siro

Con la Juve la Fiorentina si è messa in moto, con l’Atalanta ha cercato di consolidarsi, ricriminando per la vittoria sfiorata, ma prendendo comunque un punto importante. A Firenze con la Samp abbiamo messo benzina e tirato un bel sorriso di sollievo. E stasera ci siamo accesi a San Siro. E’ vero che la Fiorentina si è trovata un Milan caratterialmente fragile, tecnicamente confuso e sull’orlo di una crisi di nervi. Però la Fiorentina ha imposto il proprio gioco fin dai primi minuti ed è stato un crescendo fino alla standing ovation a Ribery. Montella continua con il suo 3-5-2, solido, dinamico e sempre più efficace. Si perché Badelj piano piano sta prendendo in mano il centrocampo, Pulgar sta iniziando a capire il croato e girargli intorno in modo giusto. Castrovilli cresce e oggi se ne esce con il primo gol in serie A (ed uno annullato non per colpa sua). I tre dietro mi sembrano sempre belli compatti ed affiatati. Gli esterni sono molto bravi a dettare i tempi. Lirola sembra in crescita, anche se ancora ha qualche esitazione. E poi ci sono i due davanti, Chiesa e Ribery, che si guardano, si cercano ed iniziano a fare male vero alle difese avversarie. Peccato che Chiesa abbia voluto intestardirsi nel rigore. Bene comunque che l’errore sia avvenuto in questa situazione.

Ora Montella, oltre ad essersi tolto qualche sassolino, inizia a collocarsi in una posizione di confort per il suo modo di fare calcio. In una posizione di confort ovviamente non deve sentirsi la squadra e qualche attenggiamento in campo un po’ rilassato l’abbiamo visto anche stasera dopo il 3 a 0. E non mi è piaciuto l’atteggiamento con cui è sceso in campo Boateng, troppo superficiale e poco convinto. Visto che fuori dal campo fa coppia fissa con Ribery, dovrebbe prendere da lui la voglia di mangiare il campo, se anche per 5 minuti. Perché in partite, magari anche più tirate di queste, la sua presenza in campo negli ultimi 20 minuti dovrebbe ridare vitalità alla squadra, quando le punte titolari vanno in difficoltà. La vera sfida per Montella sarà poi capire se e come questa squadra, che sta trovando un grande equilibrio, potrà permettersi di buttare dentro anche una punta vera.

4 Commenti

  1. La sorpresa più grossa di ieri è stata Badelj. Sarà merito suo o della pochezza del Milan?

    Per il resto tutto bene. Ribery su tutti, ma lui è due categorie sopra, il 3-5-2 che comincia a diventare lo schema di riferimento che permette copertura e pericolosità, Castrovilli, Pulgar, i terzini e la difesa sempre più sicuri.

    Unico neo della serata per me Lirola, che nella fase difensiva dorme.

    Contento di vedere una squadra che per lunghi tratti aspetta, catenecciara e contropiedista, e curioso di vedere le prossime due partite in cui probabilmente dovremo rischiare qualcsa in più come uoomini e atteggiamento. Chi farà posto al centravanti?
    Per me Badelj per un 3-4-2-1 con Chiesa e Ribery mezze punte. Oppure per Lirola con Chiesa che ritorna esterno e gli farebbe un pochino bene, oppure direttamente per Chiesa in panchina perché Ribery è l’unico indispensabile.

    Sicuramente mi auguro che non sia Boateng il centravanti. E’ pazzesco come Montella si ostini a far giocare Boateng invece che dare minuti ai ragazzi Vlahovic o Sottil o qualche altro. Boateng proprio penoso.

  2. Io penso che Montella voglia riportare anche Boateng in condizioni accettabili. Però la sensazione è che sia sfavato quando entra a partita “quasi chiusa”. O forse ci sono altri problemi che non sappiamo. Alla fine in questo modulo sarebbe il naturale sostituto di Ribery, perché teoricamente capace di tener palla, tentare qualche numero ecc.
    Lirola ha ancora delle incertezze, sia quando attacca, sia quando difende. Certo, la tentazione di mettere Chiesa li e buttare dentro una punta c’è, ma ancora penso che Montella non si fidi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.