Vittoria di sostanza

Dopo le luci della ribalta di San Siro, non era semplice per la Fiorentina ricalarsi in una partita tatticamente, fisicamente tosta e giocata alle 12:30 in un clima ritornato improvvisamente estivo. Questa è stata proprio la partita contro l’Udinese. Montella se lo aspettava e nonostante abbia schierato ancora la stessa formazione, ha cercato possesso palla, ma senza forzare troppo le giocate. E alla fine è arrivata una vittoria di sostanza. Si, perché l’Udinese è una squadra che si muove ad onde d’urto, in tutte le zone del campo. Cerca sempre lo scontro. Cerca di far valere la propria prestanza fisica. Cerca soprattutto di togliere ossigeno con tanti giocatori nella zona della palla. Bisognava avere pazienza e la Fiorentina l’ha avuta. Bisognava trovare una giocata. E la Fiorentina l’ha trovata con il suo gigante, Milenkovic. In una giornata che ha visto i due gioielli, Chiesa e Ribery, un po’ sottotono, Badelj praticamente marcato costantemente ad uomo, i tre punti sono frutto di una eccellente prestazione da parte degli uomini di sostanza. Primo su tutti Caceres, che sta diventando un vero punto di riferimento della difesa. Ma anche Milenkovic e Pezzella non hanno mollato un colpo. E con Badelj marcato e Castrovilli spesso ingabbiato, è venuta fuori anche la sostanza di Pulgar. Inizia a convincermi sempre di più anche Dragowski. Si sono invece praticamente annullati Lirola e Dalbert con i relativi esterni dell’udinese.

E dopo una prima sosta piena di dubbi e a zero punti, arriva ora una nuova sosta, con 5 risultati positivi, tre vittorie consecutive e qualche certezza in più per Montella. Siamo indiscutibilmente in un trend positivo: società, tifosi, gioco ed ora anche classifica. E siamo davvero curiosi di capire come tutto questo evolverà.

1 Commento

  1. Vittoria di sostanza… e di serenità!

    Perché alla Fiorentina mancava soprattutto la serenità per lavorare tutti compatti sulla prossima partita. Finora l’entusiasmo non era mai mancato, i mugugni erano stato solo accennati, ma la serenità vera non si era mai respirata. Quella serenità in cui ognuno pensa solo al proprio ruolo, società, allenatore e giocatori a lavorare, tifosi a riempire lo stadio, giornalisti che non hanno nessun appiglio a cui agganciarsi per le polemiche. Rimangono fuori da questo cerchio di serenità gli addetti ai lavori isterici non considerati da nessuno.

    L’1-0 sull’Udinese rappresenta proprio un bel risultato. La partita è stata tosta, combattuta in ogni zona del campo, contro una squadra che puntava solo alla difesa ad oltranza e al contropiede, e che ha avuto solo un’occasione grazie ad una disattenzione da pivelli di Caceres magistralemente stoppata da Drago. Ad essere puramente sinceri non abbiamo visto una Fiorentina sovrastare l’Udinese, ma il gol a 20 minuti dalla fine ci ha permesso di non spremerci fino in fondo.

    Nell’attesa di vedere come evolverà il 3-5-2 di Montella, perché Ribery-Chiesa, sono troppo poco quando le partite vanno vinte in tutti i modi, ci godiamo due settimane di pausa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.