Il ballo del debuttante

Dico subito che mi ha stupito la competenza manageriale, l’organizzazione, l’empatia e la passione con cui Commisso ed il suo staff hanno preso in mano ed in qualche modo rivoluzionato in 4 mesi la Fiorentina. Oggi intorno alla squadra viola c’è un entusiasmo che veramente non si vedeva da anni. Difficile dire se abbiamo superato i primi anni prandelliani, perché gli eventi negativi tendono ad annebbiare anche quelli positivi. Però oggi ci sentiamo veramente all’alba di una stagione promettente per i nostri colori. E questo consenso è ovviamente esploso nell’ultimo mese, perché oltre ai proclami, alle azioni marketing, i tifosi hanno capito che Ribery non è solo un prestigioso passato, che Pradé è riucito di nuovo a creare un’alchimia di mercato funzionante e che Montella sta lavorando di nuovo bene con questa alchimia.

Al tempo stesso penso che sia giusto ricordare a tutti che Commisso è un imprenditore, anzi, un business man americano. E se può essere vero che non pretende fare grandi margini con la Fiorentina è altrettanto vero che non vuole venire a regalare soldi in Italia. Che poi è un altro modo di dire autofinanziamento. Si perché i Della Valle, specialmente negli ultimi anni, hanno sbagliato tutto dal punto di vista marketing e comunicazione. Però non possiamo scordare che anche loro sono imprenditori veri e hanno saputo fare impresa in un Paese molto più ostico, limitato, politicizzato, quale è l’Italia.

Tutto questo per introdurre il fatto che adesso Commisso, preso di petto anche il problema stadio, si appresta ad effettuare il ballo del debuttante. Fino ad ora ha giocato in casa, con i suoi tifosi, con i media, con le manifestazioni pubbliche. Con lo stadio però si fa l’ingresso nel mondo del politicalcio. Commisso non è certo una “debuttante ingenua”. Ha lanciato infatti la bomba “stadio a Campi” perché sapeva che con il suo attuale consenso gran parte dei tifosi lo avrebbero seguito ed avrebbero fatto cassa di risonanza nelle orecchie di Nardella. Provate ad immaginare se 2/3 anni fa Della Valle avesse detto: “faccio lo stadio a Campi”… Però forse Commisso ancora non conosce bene questo mondo del politicalcio. E’ venuta subito fuori una petizione “Pro-Franchi”, disposti a “violentarlo” pur di avere lo stadio nello stesso posto. E’ venuta fuori una guerra politica inter-comunale che era fino ad ora sommersa. E’ venuto fuori l’asso nella manica di Nardella della vendita dell’area Mercafir. Commisso dice di essre tranquillo, ma sinceramente mi sembra che ancora non ci sono affatto condizioni per stare tranquilli.

E vorrei chiudere con una cosa forse impopolare, ma su cui però sarebbe bene riflettere. E’ vero che siamo stanchi di avere una politicalcio che blocca ogni azione virtuosa finalizzata a ricercare (anche) il bene della Fiorentina e dei suoi tifosi. Però non è detto che forzare troppo le cose sulla base del consenso sia sempre la soluzione migliore. Sono rimasto sopreso dalla presa di posizione anche di persone di un certo spessore contro la tutela “architettonica” del Franchi, in una città che deve gran parte del suo valore proprio alla capacità di aver salvaguardato e sfruttato le eccellenze architettoniche. Mi preoccupa anche l’asso nella manica sulla Mercafir. Se veramente si vuole andare fast fast fast, se veramente pensiamo che è ora di forzare i tempi, sarebbe bene che alla partita giocasse non solo un Sindaco che fra pochi anni non ci sarà più e un presidente, che seppur bravo, virtuoso, come tutti i presidenti passerà, ma anche qualcuno che difenda il futuro di Firenze, che è l’unica che continuerà ad esserci nel futuro.

1 Commento

  1. Eh si! Vedremo che questa storia dello stadio andrà avanti o si insabbierà un’altra volta. Perché i DV l’idea della cittadella l’avevano presentata nel 2009. Poi, negli anni seguenti, si era parlato a più riprese dello stadio ecc. ecc. ecc.
    Dopo 10 anni dalla prima idea il Comune è praticamente fermo a zero. 🙁

    Rocco ha fatto un bluffettino su Campi ma la politica che promette ha subito rimischiato le carte e presentato il piano per lo stadio in 4 anni alla Mercafir. Possibile che con tutto quello che hanno provato a fare i DV non si sia ancora sbloccato niente?

    E’ chiaro che Rocco non può fare di testa sua, così come non potevano i DV, perché oltre allo stadio, che potrebbe essere costruito dove c’è posto, c’è da pensare alle strade, all’urbanizzazione, a tutta una serie di servizi accessori che senza l’aiuto della politica non verrebbero realizzati.

    Quindi Rocco aspetta, chissà per quanto, noi aspettiamo, noi per sempre.

    Personalmente, sono un sentimentale, mi piacerebbe rimodernare il Franchi ma accetto qualsiasi soluzione purché veloce e di sostanza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.