Rallenta ma non sbanda

L’occasione era ghiotta. I tre punti ci avrebbero lanciato al quarto posto, a due punti dalla zona champion. Ma non è certo ora il momento di fare questi ragionamenti. E personalmente non ho mai creduto alla partita del salto di qualità o della prova di maturità. In generale una squadra, specialmente se giovane sia di età media che di costituzione, può fare un percorso di crescita e mi sembra che la squadra di Montella  lo stia facendo. Ieri sera era partita insidiosa. Un po’ come quella di Genova. Il Brescia è partito a mille, pressing altissimo e asfissiante, ma anche buona qualità e non solo Tonali. Devo dire che, nonostante Montella si aspettasse questo atteggiamento, all’inizio ci siamo fatti un po’ sorprendere. E sarebbe potuto soccombere proprio come con il Genoa. Però abbiamo interpreti diversi e impostazione diversa. Per fortuna il gol dopo 4 minuti era irregolare e da quel momento la Fiorentina si è svegliata e ha iniziato a giocare la sua contro-partita. Piano piano ha neutralizzato le offensive del Brescia ed ha iniziato a creare, con tanto possesso e anche buone occasioni. Tutto questo si è retto prima di tutto sulla solidità difensiva e sul grande lavoro del centrocampo. Caceres sopra tutti, ma anche Pezzella e Milenkovic sono stati sempre attenti a chiudere tutto e far ripartire il gioco. In mezzo, bene Castrovilli e Pulgar, un po’ più in ombra (nel primo tempo) Badelj. Sappiamo che quando i ritmi sono molto alti il croato un po’ soffre. Ma è anche vero che i due play maker impegnavano 3 giocatori del Brescia. E’ mancato un po’ Dalbert sulla sinistra, forse perché anche Ribery nel primo tempo è stato molto ben ingabbiato. Molto sotto-tono Chiesa, speriamo che sia a causa dell’infortunio e di una settimana in cui si è allenato poco. Motivo questo per cui, però, la Fiorentina non è riuscita ad essere molto incisiva. Quando è entrato Vlahovic e soprattutto Sottil, la squadra viola è riuscita a portarsi più pericolosamente in area. Peccato per qualche occasione veramente ghiotta non sfruttata, con un Brescia ormai alle corde. Sottil appena entrato non se l’è sentita di tirare in porta, mettendo al centro, dove tutti erano marcati, mentre lui, seppur spostato un po’ a destra, aveva gran parte dello specchio libero. Qualche altra incursione sempre di Sottil, con difesa attenta e fortunata a rinviare. Fino all’ultima clamorosa occasione di Castrovilli, il cui tiro è stato parato ad un metro dalla porta da Vlahovic. Si chiude quindi in pareggio. La Fiorentina rallenta, ma non sbanda. Il Brescia dopo il gol annullato non ha più impegnato seriamente Dragowski. Insomma, la Fiorentina in questo suo assetto sembra avere un buon grip su ogni tipo di gara e per questo motivo Montella per ora non cambia. E comunque Sottil e Vlahovic hanno dimostrato di essere sul pezzo. Un punto che lascia quindi un po’ di amaro, ma il percorso della squadra di Montella fa ben sperare.

2 Commenti

  1. Sinceramente sono parecchio deluso. Chiaramente da Montella.

    Non è possibile provare a cambiare qualcosa al 70-esimo, poi mettere Sottil solo all’80-esimo e infine giocare la carta Boateng al 90-esimo.

    Passi il primo tempo con la solita formazione di sempre, poi si leva subito Badelj che continua a passeggiare per Benassi, e massimo mezz’ora dalla fine si buttano dentro Vlahovic e Sottil e si tirano fuori Ribery (hanno già imparato a conoscerlo?) e un terzino, passando al 4-3-3. Aggiungo che Boateng mi è sembrato un cadavere. A che serve uno del genere?

  2. Badelj nel secondo tempo ha fatto la differenza, perché calati i ritmi ha fatto maginare un sacco di gioco. Come rimprovero a Montella condivido il fatto di dover mettere un po’ prima Sottil (almeno insieme a Vlahovic), togliendo prima Chiesa in difficoltà.
    Su Boateng è evidente che prima di desistere Montella vuole capire se è recuperabile. Ci aveva illuso il suo gran gol contro il Napoli, ma ancora non ci siamo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.