Borja-Ribero

La vittoria di misura sull’Udinese con un gol di un difensore e lo zero a zero di Brescia, hanno subito riacceso la richiesta della punta vera. E’ evidente che Montella stia lavorando su questo tema. Infatti sia Chiesa (per ora) che Ribery non sono dei goleador. E non è semplice e scontato trovare altre tipologie di gol. Il punto dirimente sulla opportunità di inserire una punta di ruolo riguarda se continuare con il modulo 3-5-2 o se ritornare al 4-3-3. Nel primo caso, la prima mossa che viene in mente è spostare Chiesa esterno a destra e fare spazio alla punta da affiancare a Ribery, ovvero fuori Lirola. Nel secondo caso sarebbe Caceres a scivolare a sinistra, con Lirola terzino destro e davanti Chiesa, Ribery e la punta. In questo caso fuori Dalbert. La prima soluzione ha come contro-indicazione il fatto di chiedere di nuovo a Chiesa di fare anche tanto lavoro di quantità sulla fascia. La seconda soluzione chiede a Ribery di coprire maggiormente la fascia sinistra e sappiamo come Montella stia attento a dosare in modo certosino il francese.

In tutto questo rimane poi l’incognita di chi possa essere la punta. Percepiamo già un po’ di insofferenza di Boateng, che farebbe meglio però a darsi lui per primo una mossa. Se dovesse essere escluso dalla eventuale scelta di prima punta, sarebbe il primo candidato a lasciare la Fiorentina già a gennaio. Poi abbiamo i due giovanissimi Pedro e Vlahovic, due potenziali campioni. Anche in questo caso, uno dei due a gennaio è probabile che lascerà Firenze, anche se in prestito, facendo arrivare magari una punta di esperienza che possa fare la riserva senza ansie da prestazione.

E’ evidente però che non è facile arrivare ad una scelta. Questa formazione ha fatto bene e soprattutto ha dimostrato di essere molto solida. Personalmente però ho una suggestione. Abbiamo visto come in questi due mesi Ribery abbia fatto molto di più di una seconda punta. Viene a prendere palla anche sul cerchio di centrocampo, sulla fascia sinistra è sempre un punto di riferimento sia per Dalbert che per i centrocampisti. Ed il francese non si fa certo pregare per rincorrere gli avversari anche lontano dalle porte degli avversari. Insomma, la mia è una suggestione Borja-Ribero. Il francese che svolge il ruolo di todo-campista dello spagnolo della prima era montelliana, con Pulgar a fare il suo ruolo di regista e Castrovilli mezzala di gamba. In certe partite, tipo quella che è stata con l’Udinese, si potrebbe ricreare la triade Pizarro-Borja-Aquilani, secondo me di livello tecnico paragonabile e con una maggiore fisicità.

1 Commento

  1. Un bel post tecnico… Come faccio a non dire la mia? 🙂

    Purtoppo anche Montella è fermo a Pizarro-Borja-Aquilani e infatti fa giocare Badelj che vale mezzo Pizarro, poi sacrifica Pulgar a giocare mezzala, dimenticandosi che è un mediano puro, come Aquilani (che non mi è mai piaciuto ma come livello più o meno ci siamo perché Pulgar ha meno qualità ma più quantità) e infine Castrovilli alla Borja. Qui ancora non ci siamo come livello ma se ci si arrivasse non sarebbe male per noi. Di sicuro Castrovilli ha molta più sostanza di Borja.

    E alla fine arriviamo alla stessa situazione in cui Castrovilli-Borja corre come un matto per tutto il campo, in certi casi giocando più avanti degli attaccanti, fino a che si spompa e negli ultimi 20 minuti il centrocampo della Fiorentina si annulla. Castrovilli smette di correre, Pulgar smette di correre, entrambi provati dal dover correre per tre, Badelj cammina dall’inizio alla fine.

    Il problema serio è che Montella, sognando con le figurina, prima giocava con Pizarro-Borja-Aquilani, oggi gioca con Castrovilli-Badelj-Pulgar, ma pensa di avere Xavi-Busquets-Iniesta. Purtoppo sarà un allenatore di trasizione.

    Ad oggi mi sembra che il trio Caceres-Pezzella-Milenkovic stia dando ottimi risultati, se poi c’è da aggiungere un terzino, al momento preferisco il brasiliano Dalbert.

    A centrocampo Castrovilli e Pulgar stanno reggendo benissimo, li vorrei provare a tre con Benassi, oppure in una linea a quattro con ai lati due tra Chiesa, Sottil e Lirola, che mi sembra più portato ad attaccare e meno a difendere.

    Davanti Ribery libero di fare quello che vuole con leggeri compiti di copertura che mi sembra svolgere senza indugio e con il compito di arretrare a centrocampo per rafforzare il palleggio e aprire varchi. Oltre ad un centrvanti che per almeno 3/4 partite dovrebbe essere Vlahovic.

    Chiudo dicendo che Chiesa è buono solo a fare il terzo davanti in caso di 4-3-3 oppure come ala in un centrocampo a 4, il mio preferito.
    CHiesa non è buono nè a giocare prima, nè a giocare seconda punta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.