Settima… non esagerare

Sei risultati utili consecutivi ottenuti con gli stessi 11 giocatori di partenza. E per stasera Montella ha scommesso sulla settima. Ma, con un beffa che sa un po’ anche di ingiustizia, la Fiorentina negli ultimi minuti cade in casa. Forse c’erano state avvisaglie anche nelle giornate precedenti. Stasera però i messaggi sono stati più chiari, a partire dai due infortuni muscolari. Ci sono giocatori, come Caceres, appunto, che oltre al campionato ci mette anche viaggi e partite intercontinentali. Giocare in questo periodo per oltre due mesi con la stessa formazione è un rischio, sia fisico, sia tecnico. Abbiamo già detto nelle puntate precedenti che questo schieramento da una certa solidità alla squadra ed infatti anche stasera, nonostante un’ottima Lazio, la Fiorentina non aveva subito molto. E’ anche vero che a lunghi tratti abbiamo giocato completamente nella nostra tre quarti. Ed è anche vero che si ha la sensazione  che questo schieramento non riesca a dare spazio ad una punta di ruolo titolare, ammesso di averla. E così negli ultimi 20 minuti abbiamo visto di nuovo in campo un inutile Boateng, al posto di un’infuriato Ribery. Stasera poi Montella è stato tradito anche dalla mossa (forzata) di Sottil al posto di Lirola. Soprattutto Inzaghi ha capito che poteva essere un rischio per il già ammonito (e stanco) Lulic. Ha deciso allora di puntare sul duello fisico buttando dentro Lukaku. Ed infatti il laziale ha sovrastrato (con le buone o le cattive) il giovane viola, diventando il vero artefice della sconfitta. La partita di stasera ha dimostrato ancora una volta, inoltre, che Badelj soffre quando in mezzo al campo si corre davvero tanto. Specialmente nel primo tempo i ritmi erano molto alti e il croato spesso è andato in difficoltà. Davvero micidiale l’errore che ha concesso il contropiede del vantaggio laziale. Peccato che alla fine non sia servita la bella rete di Chiesa su assist impeccabile di Ribery.

Non sappiamo cosa bolle nella pentola tattica settimanale di Montella, però oggi può rappresentare un punto di svolta. Settima… non esagerare. E’ probabile che a Sassuolo il tecnico sia costretto a cambiare anche causa infortuni (da valutare Caceres e Lirola), o  giudice sportivo (Ribery beccato a fine partita a dare una spinta al guardalinee). Però Montella deve avere il coraggio di fare un passo avanti nel suo progetto tecnico, visto che ancora il clima generale è sempre molto favorevole.

 

1 Commento

  1. Io più che commentare non posso, purtoppo Montella sta dimostrando che i quattro anni di esperienza lontani da Firenze non gli hanno insegnato niente. Continua a fare i soliti errori e non riesce ad andare oltre all’essere un allenatore scolastico. Credo che sia uno bravo a mantenere lo spogliatoio in ordine, i calciatori sempre belli in forma e carichi ma manca di talento. E con il talento ci nasci, non lo studi, non lo impari, non lo compri.

    Contro la Lazio abbiamo giocato per quasi tutta la partita in 10 uomini, lasciando il centrocampo in mano alla Lazio vista la presenza di Badelj. Ormai è evidente a tutti, compresi i muri dello stadio Franchi, che Badelj è lento come una lumaca e non può giocare in una squadra che ambisce a lottare per la coppa Uefa.

    Possibile che Montella insista a far giocare un Badelj inutile, sacrificare Pulgar mezzala, spingere Castrovilli quasi centravanti e non mettere un centrocampo una mezzala pura come Benassi che negli ultimi tre anni è stato il miglior centrocampista che abbiamo visto giocare a Firenze?

    Inoltre, e qui il caso è clamoroso, Montella ha riproposto Boateng in campo dimostrando un’ottusità fuori della norma. Possibile che non si renda conto che Boateng è un giocatore finito sotto tutti i punti di vista?

    Poi Montella, come quello che gioca a Subbuteo, ha condito il tutto schierando Sottil su tutta la fascia. Sottil che per ora, se ha fatto vedere qualcosa, l’ha fatto vedere come ala leggera senza troppi compiti di marcature. Inzaghi ha ringraziato e ci ha vinto la partita.

    Per concludere il commento segnalo questo https://www.firenzeviola.it/ex-viola/flachi-i-viola-sono-prevedibili-badelj-cammina-301696
    Badel cammina. Possibile che lo vedano tutti ma non Montella?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.