Corretta e vinta in corsa

Diciamo subito che questi tre punti sono preziosi come quelli che abbiamo lasciato per strada fra Brescia e sconfitta con la Lazio. Però a Montella c’è voluto un’ora per trovare la quadra di questa partita e poterla alla fine vincere. Soprattutto Montella, con grande sorpresa di tutti, è voluto partire con un improbabile 3-5-2 con interpreti nativamente adatti al 4-3-3. La conseguenza è stata 3 giocatori fuori ruolo. Soprattutto è stato il fatto che Sottil si è trovato a difendere sul giocatore più pericoloso, Boga. Ed ovviamente il Sassuolo segna con Boga.

Dopo 10 giornate, sperando che il blog non sia attaccato dagli Americani, possiamo anche ammettere delle verità. Meglio un milione al primo Thereau che a questo Boateng. Dalbert non è male, ma non possiamo dire che sia così meglio di Biraghi. Pulgar è un bel mediano, ma ancora un registrino. E per questo Montella fa mal volentieri a meno di Badelj. Ghezzal per ora fa quasi rimpiangere Mirallas.

Dopo un’ora poi la svolta. Entra Ghezzal prima e Vlahovic dopo. Soprattutto si passa al 4-3-3. Venuti fa il terzino destro (meglio di niente…). Boateng fa la punta Boa e soprattutto Vlahovic al suo posto fa la punta vera. La Fiorentina occupa meglio il campo, diventa più squadra e trova la vittoria. La trova soprattutto grazie ad un Castrovilli veramente sopra le righe. E grazie anche alla coppia Pezzella-Milenkovic sempre attenti, con il serbo anche capocannoniere della squadra. La trova anche grazie ad una buona giocata di Chiesa, proprio nell’occasione in cui alza la testa e vede un’azione di gioco più vincente del suo incaponirsi per il tiro. Montella quindi l’ha corretta e vinta in corsa. Questa partita da comunque risposte importanti. Prima di tutto e nonostante tutto, i giocatori trovati in dote dalla gestione Corvino sono per ora l’ossatura vera di questa squadra: Dragowski, Pezzella, Milenkovic, Castrovilli, Chiesa. Dalbert si sta inserendo bene e speriamo che anche Lirola lo faccia presto. Abbiamo invece più volte detto dell’importanza di Caceres fra i nuovi arrivi. Pulgar e Badelj devono capire se da grandi possono giocare insieme. Abbiamo anche capito che se si mette, la punta è bene che la faccia Vlahovic e non Boateng. C’è infine Ribery, che avrà qualche settimana per ricaricarsi. Per capire che non può mai dimenticarsi di essere un campione. Per capire che in Italia la classe arbitrale è un oggetto molto complicato da gestire: o sai farlo oppure è bene prendere quello che passa il convento. Vedere quello che è successo a Napoli per credere.

4 Commenti

  1. Quando si vince il commento arriva subito!!! 🙂

    Purtoppo ho visto solo i primi trenta minuti del secondo tempo e sono contento di leggere che all’inizio lo schema era il 3-5-2, perché avevo sentito/letto tra web e radio che stavamo giocando con il 4-3-3. Giornalistoni parecchio tecnici!

    Quindi Montella ha sbagliato formazione, un’altra volta! Meno male che in panchina c’era Russo che ha corretto… 🙂

    Sottil ri-sacrificato a giocare a tutta fascia e nuovamente ci si prende gol, forse non era bastato provarlo con la Lazio? Venuti terzo a sinistra e alla prima palla che tocca nel suo ruolo di terzino destro inventa il cross per il pareggio. Montella svegliati!!! Non possiamo scegliere lo schema e poi metterci dentro i giocatori come fossero quelli del subbuteo, bisogna adattare lo schema hai giocatori che sono disponibili!!! Quanti esclamativi 🙂

    Il centrocampo a tre deve essere Castrovilli-Pulgar-Benassi. (A proposito, come a giocato l’ex granata che aveva pure segnato?)

    Di Boateng non se ne pole più, quale altra conferma serve a Montella? Il centravanti titolare, per almeno 3/4 partite deve essere Vlahovic. Inoltre, Chiesa non è una prima, né una seconda punta, deve giocare sulla fascia avanti e indietro più a rifinire che a concludere. Possibile che Montella non ci arrivi?

    Montella allenatore di transizione.

  2. Condivido il + su Dragowski. Quando si sono abbassati un po’ i riflettori, ha acquisito sempre più sicurezza ed ora mi sembra la stia restituendo ai compagni di reparto, sia nell uscite, sia nelle giocate di piede.
    Benassi ha un tipo di gioco non appariscente, se non fosse che quando c’è da concludere si fa trovare spesso pronto. Confermo però che Pulgar da solo è troppo debole come regista ed il gioco di Montella ha bisogno di un regista.
    Alla fine ieri a volte veniva Boateng a prendere palla sul cerchio del centrocampo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.