Tra necessità e virtù

Ecco con qualche giorno di ritardo anche il post Fiorentina Parma. Un ritardo dovuto non solo ad un po’ di delusione, che comunque c’è. Si, perché, la gara ha dimostrato che ancora dobbiamo accontentarci di stare in mezzo al guado. Ci guardiamo un po’ alle spalle, dove in effetti c’è chi sta peggio di noi (Milan, Torino in primis), ma facciamo fatica a tenere il passo Europa. Facciamo fatica soprattutto a vincere le partite. Dopo la bella vittoria a San Siro, l’abbiamo fatto due volte, con però evidenti problemi, soprattutto a creare occasioni pericolose e a realizzare quelle poche create. E qui entriamo nell’aspetto tattico e tecnico e non possiamo che partire dal centravanti Boa. Al di la del fatto che sembra appesantito, ma anche un po’ superficiale nelle giocate e neppure molto grintoso, il suo modo di fare il centravanti ricorda molto il perno avanzato del calcio a 5. Soluzione che garantisce un maggiore possesso, ma il campo di calcio è grande ed in area non c’è quasi mai nessuno. L’unico che ci arriva con una certa continuità e pericolosità è Castrovilli. Per il resto, ci affidiamo a calci d’angolo e punizioni. Troppo poco per poter scalare posizioni. Non è ovviamente l’unico problema. C’è ancora ruggine nei meccanismi del doppio player, probabilmente perché Badelj è un mediano stanco e Pulgar un regista non ancora maturo. Però l’idea di gioco di Montella non può far a meno di due giocatori che sappiano fare filtro e creare gioco. C’è un problema Chiesa, che ovviamente può diventare un arma in più se cambia registro. C’è un problema giovani, che può ovviamente diventare un’opportunità per il futuro. Insomma siamo in mezzo al guado tra necessità e virtù. C’è la necessità di fare giocare giovani, perché Caceres, Ribery e domenica anche Pezzella erano fuori. C’è la necessità di continuare a far giocare Chiesa, perché rimane un valore assoluto della Fiorentina. C’è d’altra parte la volontà di questa società di credere nella virtù di certi giocatori, in particolare dei giovani. E forse poteva farlo anche di più, perché difficile pensare che Vlahovic e Sottil avrebbero fatto peggio di Boateng e Ghezzal. Diciamo che in questo momento la Fiorentina sta cercando soprattutto di fare di necessità  virtù, però sappiamo che il cammino, specialmente con i giovani, non è sempre lineare. Ovviamente non è tutto male, perché alla fine la Fiorentina ha evitato la sconfitta e niente è compromesso. Oggi c’è giustamente Castrovilli in copertina. Ma la Fiorentina un’impostazione di squadra ce l’ha, tutto sommato una certa solidità difensiva (domenica mancavano 2/3 o se volete 3/5 dei titolari dietro) un portiere in crescita. Ha, o almeno ci auguriamo che abbia, buoni margini di crescita.

2 Commenti

  1. Finalmente!!!

    Parto dicendo che Ghezzal non ha giocato per niente male nello scomodissimo ruolo di esterno a tutta fascia. A fatto pochino nella fase offensiva ma si è applicato con puntualità quando c’era da difendere.

    Poi voglio dire che sono rimasto impressionato da tutti i giovani perché hanno giocato davvero bene. Un discorso a parte lo merita Chiesa, a cui hanno fatto montare la testa innalzandolo al ruolo di punta e salvatore della patria. Chiesa è uno splendido esterno offensivo, fatelo giocare lì e avrete ottimi risultati, spostatelo al centro e avrete un giocatore che si perde. Certamente meglio Sottil nel ruolo di seconda punta.

    Su Boateng non ho niente da dire, anche i muri dello stadio hanno capito che non deve giocare, l’unico che non l’ha capito è Montella che, nonostante fosse un attaccante forte, non riesce a essere un allenatore che sa scegliere gli attaccanti. Basta guardarsi indietro e ripensare a Gomez, Toni, ecc.

    Purtoppo si comincia a vedere la mano di Montella sulla garra messa in campo dai nostri giocatori, della Fiorentina di Pioli si poteva dire tutto ma non che non mettesse in campo qualcosa in più che veniva dall’anima, l’attuale Fiorentina di Montella sta piano, piano rideventando una squadra di fioretto senza fiorettisti in campo. L’unico fiorettista è quel Badelj che cammina.

    Un’altra cosa super assurda a cui mancava di assistere da tempo, e a cui non si assiste mai nella serie A di oggi, è stata la scelta di Montella di non sfruttare tutti e tre i cambi. Addirittura di giocare il secondo cambio a cinque dal termine. Roba pazzesca, assurda, da allenatore di subbuteo.

    Ai tifosi della Fiorentina chiedo di resistere, Montella a fine anno lascia. Per il prossimo allenatore chiederei uno che non pensi di essere più bravo dei giocatori che manda in campo. Perché il vero difetto di Montella è proprio questo, crede di essere più importante lui in panchina che non i giocatori che vanno in campo. Classico esempio di iper-presunzione.

    Un’altra cosa: tra Biraghi e Dalbert c’è una categoria di differenza. Certamente a fine anno questa cosa sarà nota a tutti, per il momento solo a pochi. 🙂

    E domenica giochiamo contro quel Simeone, che bbiamo ceduto al Cagliari per prendere Boateng, e che non aspetta altro che farci gol.

    • Mi sembra chiaro che il colpevole è stato identificato. Non mi è chiaro invece chi è una categoria sopra fra Biraghi e Dalbert e quindi sono fra quelli che dovrà attendere fine campionato 🙂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.