Una Fiorentina piccola…

Un grande Cagliari, la squadra del momento, umilia una Fiorentina piccola. Gara già compromessa in un primo tempo folle. E nel tentativo di rinascere della ripresa, il Cagliari dilaga e la Fiorentina affonda nei suoi dubbi e nelle sue debolezze. I due lampi finali di Vlahovic devono essere presi solo come un buon segnale del serbo, non come un attenuante per la pesante sconfitta.  Devo dire però che oltre alla gara scoraggiante dei viola, la cosa che preoccupa sono le dichiarazioni (fra l’altro all’unisono) di Pradé e Montella. E l’intervento perentorio immediato a fine gara di Commisso forse è dovuto anche a questo teatrino, elogiando il Cagliari e bacchettando i nostri. Sia Pradé che Montella hanno giustificato questa debacle con l’atteggiamento sbagliato della squadra, addirittura con la differenza di età, con il mantra dell’anno di transizione. Il Cagliari lo scorso anno ha fatto gli stessi punti della Fiorentina, ha cambiato molto come ha cambiato la Fiorentina, ha un monte ingaggi inferiore a quello dei viola. E quest’anno si sta candidando ad essere la nuova Atalanta. Il vero timore, invece, è che la Fiorentina stia proponendo un calcio invecchiato e che questo sia causa anche di una certa involuzione tecnico/tattica. E giustificare il tutto con l’assenza di Ribery non sarebbe molto confortante. Il dubbio che sta venendo è che Montella si sia ancorato ad un’idea di calcio ormai inefficace. Pensare di governare i ritmi partita con il possesso palla è un’idea ormai superata da un calcio prevalentemente aggressivo, veloce, tendenzialmente verticale. Sono stato a suo tempo montelliano convinto. E la cosa che gli riconoscevo maggiormente era l’intelligenza calcistica. Nei tre anni a Firenze era anche evoluto, iniziando con un tiki taka alla Guardiola, per poi passare ad un 4-3-3 dove Cuadrado prima e Salah dopo erano i maggiori interpreti di un calcio più verticale. Non è però mai uscito dalla necessità del doppio (o triplo) play maker. Pur rimanendo l’importanza del regista, la tendenza invece sembra andare verso la valorizzazione di mezzale, terzini ed ali, che abbiano gamba, piede e testa. Idea di calcio offerta in modo brillante dal calcio di Maran. già, il tecnico che più volte è stato accostato alla Fiorentina, ma forse non era troppo mediatico. Ed oggi ha dato una vera lezione a Vincenzino. E l’atteggiamento in campo spesso è figlio dell’impostazione tattica che si da alla squadra. Il Cagliari gioca con il coltello fra i denti, ma anche con idee chiare di gioco. E la sconfitta di oggi deve fra riflettere anche sull’operato di Pradé. Al di la dello scarto Simeone (che nessuno ovviamente avrebbe voluto tenere a Firenze), non è facile spiegarsi perché il Cagliari si sia potuto permettere Rog, Nandez oltre a Naingolan. Difficile ad oggi giustificare i soldi spesi per Lirola, oltre ovviamente al ritorno di Badelj. Ed anche Pulgar, in confronto a citati sopra è sembrato davvero in difficoltà. Rimane poi il problema Chiesa, con il quale la società deve parlare quanto prima. Nella desolazione assoluta, oggi è scomparso anche Castrovilli. La sola gioia viene da Valhovic, insieme alla rabbia di non averlo visto subito al posto di un improbabile Boateng, altra operazione davvero inefficace fino ad oggi.

Dopo la sosta si riparte senza Pulgar e Castrovilli. Sarà un modo, forse, di conoscere un po’ meglio Zurkoswi, almeno che Montella non si affidi alle geometrie di Cristoforo…

1 Commento

  1. Napoli, bel gioco e zero punti, tipico dei perdenti
    Genoa, sconfitta oscena
    Juventus, forse meritavamo di più
    Atalanta, certamente meritavamo di più e se c’è un reponsabile è solo Montella con i cambi sciagurati
    Sampdoria, vinto con l’ultima in classifica
    Milan, partita show contro un Milan allo sbando
    Udinese, gioco anonimo e risultato pieno (vedi sotto)
    Brescia, gioco anonimo e pareggio (vedi sopra)
    Lazio, gioco anonimo e sconfitta, ma con la Lazio ci sta
    Sassuolo, gioco anonimo e vittoria (vedi sotto)
    Parma, gioco anonimo e pareggio (vedi sopra)
    Cagliari, sconfitta oscena

    Quindi la Fiorentina di Montella è partita male, si è rimessa in carreggiata con la Juventus, ci ha illuso con il Milan e poi si è infilata in una serie di partite più o meno scialbe con risultati altalenanti terminata nella figuraccia di ieri.

    Tutti, tranne Montella, qualche giornalista e pochissimi tifosi si sono resi conto che Badelj non è buono a niente (Corvino lo aveva capito due anni fa). Purtoppo, intorno a lui, il regista, gira tutta la squadra, quindi se lui non gira, non corre (non ha mai corso), non difende tutta l’impostazione va a ramengo. Ieri Maran, allenatore che non sogna di allenare il Barcellona e si è sempre arrangiato con quello che passava il convento, ha impostato tutto sulla parte centrale del campo dove regna incontrastato Badelj il re delle praterie (che lui stesso crea). Mettici una giornata storta di Pulgar e qualche altro e viene fuori che si va sotto 5-0 a Cagliari.

    Un po’ di meno, ma sempre in tanti, tanti ma non Montella, hanno capito che Chiesa non può che giocare da giocatore di fascia. Avanti e indietro sulla fascia è un buon giocatore, nel mezzo a fare la prima o la seconda punta è perde tutta la sua efficacia. Chi se ne deve accorgere? L’allenatore o la torre di maratona?

    E per fortuna ieri non giocava Boateng il palo.

    Montella non stai allenando il Barcellona, né tantomeno una squadra di Subbuteo, devi fare in modo che la rosa renda al meglio, adattarti ai giocatori e non pretendere che loro si adattino a te. Badelj fuori, Chiesa sulla fascia non come esterno del 3-5-2 ma come esterno nel 4-3-3 o, meglio, 4-4-2.

    Allenatore transitorio!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.