Anno di perdizione?

Nuova brutta sconfitta della Fiorentina. E in questa parte specifica della stagione, preoccupano molto di più le prestazioni dei punti persi. Anche a Verona gli avversari hanno messo un’intensità, un’aggressività ed una velocità di una categoria superiore ai viola. Non ho visto il primo tempo, dove comunque ho sentito/letto che Dragowski ha evitato più volte il vantaggio del Verona. Nella ripresa la Fiorentina ha traccheggiato ed il Verona è ripartita in contropiede, trovando spesso mal posizionato centrocampo e difesa dei viola. E alla fine il portiere del Verona se l’è cavata con ordinaria amministrazione. Ed anche se è vero che la Fiorentina aveva anche oggi assenze pesanti (Pulgar, Castrovilli, Chiesa ed in pratica Pezzella uscito dopo 3 minuti), il primo responsabile per questo atteggiamento è sicuramente Montella. Abbiamo già detto, infatti, che non si può continuare a giocare da Lord in un calcio che ormai ha ulteriormente accelerato i ritmi. DIfficile sfondare con un calcio orizzontale, se non hai qualità tecniche eccelse negli ultimi 30 metri. Certo, poi anche i giocatori ci mettono del loro. Basta dire che il migliore a centrocampo è stato Cristoforo, usato spesso come simbole delle stagioni corviniane. In difficoltà Venuti, chiamato comunque a fare meglio di un deludente Lirola. E oggi anche Milenkovic e Caceres sono apparsi in netta difficoltà.

Un allenatore in confusione ed una squadra in difficoltà fisica e tecnica non può tenere fuori dal banco la stessa direzione tecnica. Oggi la Fiorentina avrebbe bisogno come il pane di un giocatore alla Veretout. Avrebbe bisogno anche di qualcuno dei nomi tanto citati in estate, ma mai arrivati. Soprattutto della tanto citata rivoluzione, gli unici nomi su cui Montella può per ora contare sono Caceres e Ribery, arrivati grazie alla nuova deroga sul monte ingaggi più che sulla rinuncia alla plus-valenza. Già perché Pulgar, altro (e ultimo) nome di un certo affidamento, è arrivato proprio grazie alla plus-valenza fatta su Veretout. Per il resto, titolari e giovani scommesse dell’era corviniana. 

Personalmente non ho mai capito il senso dell’anno di transizione ed oggi questa definizione appare ancora più oscura e pericolosa. Transizione vuol dire passare da uno stato ad un altro. Dove si pensa di arrivare? Il mio timore è che neppure Pradé e la società sappiano cosa può accadere in questa stagione. Il timore ancora più grande è che sia un anno di perdizione, dove rischiamo di disperdere il valore di alcuni giocatori importanti, in primis Chiesa. Una involuzione che potrebbe demotivare anche gente come Ribery. Senza per il momento pensare che con questo modo di fare calcio possiamo a volte essere anche bellini, ma quasi sempre molto fragili. E se fatichiamo così con squadre medio-basse…

1 Commento

  1. Anche io ho visto solo il secondo tempo ma ho ascoltato il primo alla radio. E nel primo tempo alla radio ho sentito nominare Cristoforo solo per tre volte, la prima quando hanno letto la formazione. Non voglio buttare la croce addosso proprio a lui, non è stato lui il responsabile dello scempio, lui piccinino si è anche impegnato ma non è adatto. Lui e Badelj peggiori in campo.

    Ieri Montella l’ha ripersa a centrocampo continuando a giocare al Subbuteo. Centrocampo a tre dove due non corrono. Che può venir fuori? Che gli altri hanno giocao troppo facile, che la difesa fa le figuracce, che se il nostro portiere non faceva miracoli finiva come a Cagliari.

    Gioiello dei gioielli, Badelj schierato come mezzala quando non corre nemmeno da mediano. Sull’ultimo cambio il professore Montella ha visto bene di togliere l’unico centrocampista che correva per mettere dentro Ghezzal e farlo giocate interno di centrocampo. Da paura!

    Anche Venuti, che non è un fenomeno, ma che è un modesto terzino di fascia a quattro, è stato messo in campo su tutta la fascia in un ruolo in cui servono passo e polmoni. Infatti è stato asfaltato dal diretto avversario.

    Insomma, alla tredicesia giornata siamo in pancia al gruppo, abbiamo avuto 3/4 partite in cui ci siamo esaltati più dai risultati che dalle prestazioni e ora siamo avviluppati su noi stessi con un allenatore che non sa che pesci prendere.

    Per il prossimo allenatore chiedo uno coraggioso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.