Nel tunnel

Terza sconfitta consecutiva, questa volta in casa, contro una neo-promossa e siamo ufficialmente nel tunnel della crisi. E’ evidente che, oltre ad un po’ di sfortuna ed una squadra costruita in modo un po’ approssimativo, chi ci ha portato nel tunnel è Montella. Stasera c’è stata una reazione della squadra dopo le brutte sconfitte di Cagliari e Verona. C’è stata tutto sommato anche una prestazione che non meritava la sconfitta. C’è stata un po’ di sfortuna e, diciamolo, anche un arbitraggio inadeguato. Nonostante questo, comunque, non è facile adesso contare su Montella per uscire da questo tunnel. Certo, gira il nome di Gattuso e non so cosa sperare. Però anche la buona prestazione sembra più figlia di una scossa nervosa, piuttosto che di una convinzione di fondo sulle proprie idee. Commisso sicuramente avrà i suoi bei pensieri in queste ore. Noi per il momento dobbiamo pensare alla squadra. Una squadra approssimativa, come si diceva. Una difesa inizialmente solida ed oggi quasi colabrodo. Un centrocampo di palleggio, ma che sa poco correre all’indietro, lasciando appunto spesso indifesa la nostra retroguardia. E Castrovilli costretto a fare gli straordinari, in continui coast to coast. Due esterni che corrono tanto, ma sanno poco attaccare e poco difendere. E poi le punte, il vecchio ed il bambino. Ribery mi è piaciuto poco oggi, ha sbagliato molto, ha cercato giocate forzate quando non era opportuno. Ha preso anche tante botte, per niente protetto dall’arbitro (e neppure tanto dai nostri a dire il vero). E in un fallo da dietro da arancione, dove non è stata neppure fischiata la punizione, ci ha rimesso la caviglia. Vlahovic malino nel primo tempo, forse perché il vecchio lo ha lasciato un po’ solo… o forse perché ancora si conoscono poco. Nel secondo tempo, però, mi è piaciuto. Ha sbagliato un paio di occasioni buone, ma è stato molto dentro la partita e l’area. Certo è che ci manca una punta vera, di esperienza. Difficile pensare che possa essere Pedro. Ghezzal a volte ha qualche numero, ma mi sembra molto timido. Avrei preferito l’esuberanza di Sottil.

A questo punto non so se Montella arriverà a gennaio. Ma è certo che a gennaio Pradè deve inventarsi qualcosa, almeno a centrocampo e all’attacco, perché altrimenti l’anno di transizione non sappiamo dove ci porterà.

2 Commenti

  1. Più che nel tunnel direi nel buco! Tristezza…

    Scusate se insisto, ma non possiamo presentarci nuovamente in campo con Badelj, esemplare mercenario che è andato via per soldi ma è tornato per amore. Che senso ha un uomo del genere capitano della nostra Fiorentina? Che esempio per gli altri?
    Ho il sospetto che tutto il 3-5-2 sia costruito per fare rendere al meglio il peggior centrocampista che ha la Fiorentina, quello che corre meno di tutti, quello che per 100.000 euro preferì la Lazio. Questa è la vergogna più grossa della Fiorentina attuale, vergognoso l’allenatore che lo fa giocare capitano, vergognoso il direttore sportivo che lo ha ripreso e ce lo ha presentato “per amore”. Un insulto all’intelligenza dei tifosi.

    Ieri era nuovamente in campo Lirola, l’acquisto più caro di Commisso. Che dire… penoso. Non ha giocato tutte le partite come Badelj, ma tutte le partite che ha giocato le ha giocate abbastanza male. Possibile che l’allenatore insista su di lui? Possibile che continui a riproporre il 3-5-2 nonostante non abbia a disposizione i giocatori giusti?

    Ciliegina sulla torta, all’improvviso si è manifestato anche Boateng, che un pochino si è impegnato (pochino), che qualche sussulto ce lo ha dato, ma che ricorda vagamente un giocatore di calcio di serie A. Anche lui presentato come un giocatore di un certo livello. Chi l’ha preso questo? Chi l’ha voluto?

    L’anno di transizione è ancora lungo ragazzi. C’è da soffire e sopportare l’accoppiata Montella-Pradé per tutto l’anno. Tristezza…

  2. Vorrei aggiungere che anche con Pioli giocavamo molto male, ma almeno con lui alla fine della partita tutti avevano dato tutto. Oggi non si può dire.

    Montella è tornato a mangiare nel piatto dove sputò. Dove, se avesse avuto più umiltà, pazienza, lungimiranza, forse qualche soddisfazione se la poteva togliere. Invece lui pensava, e pensa tuttora, di essere un allenatore da Barcellona, dimostrando di non aver imparato niente in questi 5/6 anni lontano da Firenze. Ammettendo implicitamente di essere una persona presuntuosa e arrogante. Bravo Montella, bella carriera!

    Non per niente scelse Gomez al posto di Toni che l’anno dopo fece 20 gol al Verona. Bravo Montella, sei uno che sa scegliere i giocatori!

    Per il prossimo allenatore chiedo uno coraggioso e che pensi solo ad allenare, non ha chiedere giocatori. Purtoppo a noi manca anche il direttore sportivo. Commisso e Barone hanno sbagliato la prima ma non possono sbagliare la seconda mossa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.