Può bastare così?!

Anche contro il Torino abbiamo assistito ad un primo tempo tecnicamente, tatticamente e soprattutto caratterialmente inguardabile. Con Commisso in tribuna, dopo tre brutte sconfitte, senza neppure sapere il risultato finale, non può bastare così?! A me dispiace, perché sono stato un montelliano convinto della prima era. E a dir il vero, dopo la partita della Juve pensavo di averlo ritrovato. Però le contingenze sono tali per cui tenere Montella nella panchina viola sembra quasi un accanimento terapeutico. Tutto questo, purtroppo, è figlio di una serie di errori originari, che tutti avevamo sottovalutato o perfino avallato. E’ infatti anomalo che una nuova proprietà, che non ha tempo per programmare, cambi subito il direttore sportivo e confermi l’allenatore che le aveva perse quasi tutte. Ed il nuovo direttore di fatto tiene l’osso duro della vecchia formazione, comfermando qualche giovane e prendendo qualche vecchio. E purtroppo, paghiamo anche la scelta Chiesa fatta con il cuore e con il nostro plauso. Ma il calcio poi ti presenta il conto. E commentare ora queste prestazioni diventa sempre più difficile. E’ difficile anche giustificare la presenza in campo di Ghezzal, innocuo in avanti, addirittura imbarazzante nella chiusura su Ansaldi nel primo gol. Forse poteva valer la pena infoltire il centrocampo, mettendo anche Badelj, avanzando di almeno 20 metri Castrovilli. Anche perché Pulgar da solo ha dimostrato di essere in difficoltà nella regia. Poi Chiesa, appunto, che si è tolto lo sfizio di giocare 10 minuti finali, dopo 80 quasi irritanti. Ma soprattutto, come detto all’inizio, un atteggiamento in campo completamente rammollito, imbambolato, inaccettabile. Perdiamo punti, perdiamo stima nei propri mezzi, perdiamo valore per i nostri ragazzi. Stiamo intristendo Vlahovic, costretto quasi sempre a venire a giocare lontano e spalle alla porta. Stiamo scaricando tutto il peso su Castrovilli, che certo non ha paura a prendersi la squadra sulle spalle. Ma potrebbe pagare presto i suoi straordinari. Ed è evidente anche il clima teso fra gli stessi giocatori. Al di la delle parole di Montella e dello stesso Pradé, difficile trovare qualcosa a cui aggrapparsi. E la faccia e le parole di Commisso sono eloquenti. Ma allora, visto che non è stato mai un problema di soldi, perché non può bastare così?

1 Commento

  1. Sinceramente a me Montella è piaciuto fino alla partita persa in coppa italia contro la Juventus in casa. Da quel momento in poi è stato chiaro che Montella più che portarti lì non può. Non ha la bava alla bocca. E se non ce l’ha lui, non la trasmette alla squadra. Se sei più scarso degli altri o alla pari, e la Fiorentina è mediamente più scarsa o alla pari, per vincere devi tirare fuori la bava alla bocca. Montella è tutt’altro, lui vuole vincere giocando meglio, praticamente come ha fatto il Barcellona ieri sera contro l’Inter. Ma la Fiorentina non è il Barcellona… e quindi né giochiamo meglio, né giochiamo con la bava alla bocca. Risultato sicuro la sconfitta.

    Inoltre, diciamoci la verità, Montella è un allenatore non riesce a portare i giocatori dalla sua parte, forse non è ruffiano, forse non è cinico, forse non sa essere leader, forse non li sa nemmeno prendere. Con Montella o ci vai d’accordo o non ci vai d’accordo e te ne vai. L’anno scorso litigo appena arrivato con Veretout, il miglior centrocampista dell’era Pioli. Possibile che un allenatore non riesca a portare i giocatori dalla sua parte? Possibile che riesca ad allenare solo squadre piene di soldatini a lui devoti? Quest’anno è molto probabile che abbia litigato con Simeone, poi con Chiesa e anche con Ribery. Di sicuro anche con Sottil e probabilmente anche con Benassi. Così come litigò con Toni che poi se ne andò e fece 21 gol nel Verona.

    Insomma… ad allenare il Barcellona sono buoni tutti, noi vogliamo un allenatore che sia in grado di allenare la Fiorentina.

    Coraggioso, nuovo perché le minestre riscaldate non sono buone, che abbia fatto la gavetta, che abbia la bava alla bocca, che si adatti ai giocatori. Che sia Italiano, perché di Emery non me ne faccio una bella sega niente.

    E domenica c’è L’Inter… L’unica nostra speranza è che giochino ancora Borja Valero, Vecino e Biraghi. Almeno ce la giocheremmo alla pari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.