Beppe Iachini

iachini

Prima di due righe per Beppe Iachini, vorrei finire l’epoca Montella evidenziando che a fine campionato nella Fiorentina militavano: Veretout, Simeone e Muriel. Al loro posto ora abbiamo: Badelj, Pedro e Boateng. Chi ha fatto queste scelte? Con loro in campo, e con allenatore meno presuntuoso, oggi non saremmo qui a demprimerci. Il capitolo è chiuso guardiamo avanti.

Qualche giorno fa, ad un amico che mi chiedeva qualcosa sull’allenatore, ho detto:

Il mio allenatore ideale è: ex centrocampista, poco successo come calciatore, lunga gavetta nelle serie minori, antipatico quando parla e con la bava alla bocca.

Beppe Iachini non so come è quando parla, perché da allenatore non l’ho mai sentito, ma tutte le altre caratteristiche le ha. Saprà anche allenare? In serie B si, ha fatto molto bene, in serie A lo vedremo.

Il cappellino è già pronto, il coro lo stesso: “Picchia per noi, Beppe Iachini!”

Buon Natale e Buon Anno a tutti.

1 Commento

  1. Chiudo l’era Montella dicendo che continua nella sua sfortuna/incapacità di scelta che lo porta nel posto sbagliato al momento sbagliato. E’ un buon allenatore, ma ha bisogno di una serie di condizioni a contorno. A Firenze mancavano quelle ed anche qualcos’altro. A Beppe Iachini spetta ora il compito di capire cosa. Alla fine la società ha fatto una scelta umile, per una persona umile, ma sempre determinata. Non esalta, ma per ora mi da abbastanza fiducia. A marzo i Della Valle (non penso Corvino) scelsero Montella per un ultimo gesto di orgoglio, senza capire che Pioli era l’unico collante di un qualcosa che si stava sgretolando. Beppe deve ripartire da li. Un grosso in bocca al lupo a lui e soprattutto alla Fiorentina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.