Squadra svuotata

Possiamo iniziare dalla fine, ovvero dal post di Simone di benvenuto a Beppe Iachini. Significa che dall’ultimo post-gara, quello della gara persa a Torino, le cose non sono andate bene. Nella gara con l’Inter siamo rimasti aggrappati alla speranza che la stagione viola e quindi la storia di Montella potesse avere uno scossone positivo. Un pareggio raggiunto con un gol capolavoro di Vlahovic, dopo una gara giochicchiata dalla Fiorentina. L’unico merito alla fine è stato quello di non mollare. Ma al di la del giochicchio visto, i sintomi erano chiari. Sintomi che si sono ripresentati infatti contro la Roma. Anche in questo caso la Fiorentina ha giochicchiato, è partita bene, ha accorciato dopo l’uno-due della Roma, ha avuto anche qualche occasione. Ma il problema è che questa è una squadra svuotata. Svuotata di un’idea di calcio, di certezze e quindi di coraggio. E nelle ultime gare il canovaccio degli avversari è sempre stato lo stesso. Mostrarsi aggressivi, ostentare le proprie sicurezze e le proprie idee. Insomma colpirci nelle nostre debolezze. E se ci aggiungiamo la forza anche tecnica della Roma, si capisce la deblacle finale.

Scegliere oggi Beppe Iachini non è certo una promessa di un futuro prossimo esaltante per i tifosi. Però è un gesto di umiltà importante da parte della società. Occorre ritrovare certezze e fiducia. Il tecnico e la società devono andare alle origine dei problemi di questa squadra svuotata. Perché ovviamente Montella è stato un aggravante, ma non certo la causa. Ed anche la campagna acquisti è solo un aggravante. Già perché la crisi parte da marzo dello scorso anno, intorno alla 25-esima giornata, dove comunque la Fiorentina era ottava ed in semifinale di Coppa Italia. Si è rotto qualcosa in quello spogliatoio. Non trascurerei neppure il percorso compiuto dalla morte del capitano Astori. Sicuramente questi problemi stanno condizionando anche il rendimento dei nuovi. Beppe Iachini conosce Firenze, conosce i fiorentini, ma deve prima di tutto capire cosa è successo per capire cosa sta succedendo. E quindi ripartire da un calcio semplice e genuino. Allegri ha ragione quando dice che il calcio è un gioco semplice. Ha ragione perché tanto è semplice quanto è complicato giocarlo bene. Un’idea di gioco semplice, ma eseguita con dedizione, con grinta, con velocità deve essere il punto di partenza. Convinzione e coraggio deve essere il punto di arrivo. Beppe può essere l’uomo giusto, ma prima di tutto deve capire cosa ha svuotato questa squadra.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.