Beffa

Posso anche capire i punti di vista di parte bolognese, visto la mole di gioco e la supremazia territoriale. Però quella di oggi rimane una beffa per la squadra viola. E non solo per il pareggio al 94-esimo, su una punizione doppiamente regalata. Regalata per banali errori di alleggerimento (ma c’erano già state avvisaglie). Regalata nel fallo stesso, ingenuo, inutile. Però la Fiorentina aveva avuto almeno tre occasioni per andare al raddoppio. Chiesa si è fatto parare un tiro praticamente davanti al portiere. Vlahovic non ha visto dal limite Castrovilli che poteva andare in porta. E soprattutto Dalbert si è inventato un tiro da centrocampo, nemmeno fosse Ibrahimovic, quando con un passaggio di 20 metri “semplice” mandava Chiesa in porta.

Venendo alla gara, la posizione di Iachini è stata chiara e direi anche giusta. Questa squadra ha perso ogni certezza e la maglia pesa. Quindi giocare semplice, quasi sempre dietro la linea della palla, compatti. Il Bologna è stato pericoloso specialmente sui passaggi filtranti, anche perché con la difesa a 3/5, a volte non è semplice trovare le distanze e coprire le linee di passaggio. L’inserimento di Benassi, seppur scontato ha portato quella corsa continua, che spesso è poco appariscente, ma che alla fine si fa sentire. E soprattutto si conferma il giocatore con il piede più caldo. Oggi mi è abbastanza piaciuto anche l’atteggiamento di Lirola. Nel terzino spagnolo si intravede qualche interpretazione interessante del ruolo. Mi convince sempre meno invece Dalbert. Grande corsa, gran fisico, buon sinistro, ma difficilmente qualche idea interessante di calcio. Rimango dell’idea che Biraghi avrebbe fatto un gran comodo quest’anno. Per il momento sono deluso anche dalle prestazioni di Pulgar. Gli manca in particolare l’autorevolezza per giocare in quella posizione strategica. Questo giustifica solo in parte, però, l’eccessivo individualismo di Castrovilli. Il ragazzo gioca bene, ma spesso eccede nelle giocate personali. Chiesa sembra in crescita, mentre Caceres penso si sia uniformato sui suoi livelli standard. Grinta, esperienza, ma veramente poca qualità nelle giocate. Ed in serie A oggi è poco tollerabile sbagliare di 10 metri lanci semplici di 30 metri. Pezzella e Milenkovic hanno fatto una buona gara, fino all’errore dell’argentino sulla punizione. Vlahovic ha lottato, però ha sofferto molto l’atteggiamento difensivo dei viola. Ancora una volta inspiegabile invece l’apparizione in campo di Boateng. E se la sositituzione di Dalbert è stata forzata, capibile l’ingresso di Ceccherini, visto che ormai il Bologna giocava molto sulle palle lunghe e il centrocampo veniva saltato da una parte e dall’altra.

Certo, siamo ancora dentro il tunnel, però si sono visti segnali di una Fiorentina che ha deciso di rinunciare al fioretto per affrontare con grinta ed umiltà le prossime sfide. Ora speriamo che arrivi presto anche qualche aiutino da casa… Commisso.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.