Sospirone

Ho ascoltato il primo tempo alla radio ed è stata una vera sofferenza. Anche un po’ di insofferenza a dir il vero. Perché oltre ad apprendere la presenza in campo di Boateng, era palese un atteggiamento imbalsamato dei viola. A fine gara abbiamo saputo che è addirittura sceso Commisso negli spogliatoi alla fine del primo tempo. Beh, non sono per i presidenti “invadenti”, ma quando ce vo’ ce vuole. Secondo tempo visto in tv e le cose sono andate un po’ meglio. Sicuramente Vlahovic al posto di Boateng da subito un po’ più senso alla squadra. Che ovviamente ci ha messo anche un po’ più di piglio e qualche buona azione/occasione si è vista. Alla fine con una bella zuccata di capitan Pezzella l’abbiamo vinta e tiriamo un bel sospirone.

E’ evidente che questa squadra gioca con il terrore nelle gambe e l’ansia nella testa. Perché siamo (a parte RIbery) i soliti che pochi mesi fa hanno avuto supremazia territoriale con la Juve, giocato alla pari con grandi squadre. Oggi invece siamo stati a lunghi tratti in balia del palleggio della Spal. In parte dovuto anche allo stesso atteggiamento dettato da Iachini. E’ chiaro che il mister non vuole rischiare adesso imbucate dovute ad uno sbilanciamento eccessivo della formazione. Come detto da Iachini stesso, in questo momento contano i punti. E alla fine 4 punti fra Bologna e Spal possono essere un buon risultato per ripartire. Però quanto visto in campo di questi tempi è davvero preoccupante. E quindi presto dovremo iniziare a capire cosa può dare veramente questo tecnico e cosa possono dare questi giocatori. Di Boateng ormai abbiamo detto tutto. Dalbert sta diventando sempre più innocuo davanti ed incerto dietro. Pulgar sta dimostrando di essere un giocatorino. Bravino, ma che in questo momento difficile è più un problema che una soluzione. Caceres buona grinta e poco per il resto. Per fortuna sono emerse le personalità di Milenkovic e Pezzella dietro e Benassi e Castrovilli avanti. Chiesa è ancora in difficoltà e speriamo che presto possa tornare a correre e puntare da esterno. Cutrone è entrato bene e speriamo sia un acquisto azzeccato.

Abbiamo sicuramente bisogno di un buon rinforzo a centrocampo ed io quasi quasi punterei ad un bel terzino sinistro. E abbiamo bisogno che Iachini ri-dia ritmo ed anche un’idea di gioco. Perché, a pochi giorni dalla gara di coppa Italia, in vista di tutto il girone di ritorno, dopo aver visto la gara Inter-Atalanta, la Fiorentina oggi sembra davvero figlia di un calcio minore. Anche perché non è solo un confronto con un’Atalanta in questa fase veramente indemoniata o con le prime della classe. Ad oggi anche le squadre di medio-bassa classifica giocano con un ritmo ed una qualità che davvero facciamo fatica in questo momento a sostenere.

2 Commenti

  1. Ho visto tutta la partita di ieri e non so se essere contento per il risultato o tragicamente sconfortato per come ha giocato la Fiorentina.
    Abbiamo avuto dieci minuti di secondo in cui eravamo fermi, direi estranei alla partita. L’immagine che descrive meglio lo stato d’animo di tutti noi tifosi è Rocco che alla fine si porta le mani alla testa pieno di incredulità. Diciamoci la verità, la vittoria di ieri sa di miracolo.

    La squadra ha dimostrato di essere scollata, fisicamente impreparata, avulsa, abulica, in preda ad una crisi di origine ignota. Speriamo che Iachini trovi in fretta una via d’uscita.

    Primo non vogliamo più vedere Boateng in campo, l’arrivo di Cutrone dovrebbe garantirci da questa sventura.
    Secondo vogliamo rivedere il Chiesa degli anni scorsi, per piacere mettetelo a giocare all’ala.

    Fatti questi due aggiustamenti passeremo a lavorare ai problemi di Pulgar che, purtoppo, svolge il minimo del compitino e non azzarda mai qualcosa in più. Questa settimana arriverà un centrocampista di gamba?

    Dei problemi di Dalbert, sinceramente, possiamo fregarcene visto che è in prestito. Per me ha ottime potenzialità, molto meglio di Biraghi, ma poi non le mette mai in campo, non indivina un cross e non fa mai la scelta giusta. Perché non iniziamo a giocare a quattro dietro con Caceres bloccato a sinistra, che tanto dalla sua parte gioca Castrovilli, e Lirola fluidificante a destra?

  2. Di fatto per il momento stiamo giocando così, Caceres Pezzella e Milenkovic dietro con Lirola fluidificante e Dalbert che ruba un posto in squadra. Dovrebbe avere solo il coraggio di rimettere Chiesa sulla fascia. Ora il vero dubbio è se far giocare Vlahovic e Cutrone insieme o no. Si potrebbe veramente ripartire da un 4-4-2 con Chiesa a destra, Castrovilli a sinistra, Pulgar e magari un altro interno di gamba centrali, con i due rgazzi davanti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.