Avanti, senza svoltare!

La Fiorentina passa il turno contro l’Atalanta, la squadra più in forma del campionato, ed approda ai quarti di Coppa Italia. Bella soddisfazione, risultato molto importante, alla fine meritato. Parto dalla fine per dire che questo risultato rappresenta la vera sorpresa di questi ottavi di finale. E forse i primi ad essere sorpresi siamo proprio noi tifosi fiorentini. Talmente brutta la squadra delle ultime partite. Talmente sfiduciati nei nostri mezzi, che in molti il desiderio maggiore era quello di limitare la figuraccia. Qualche commentatore ieri però aveva preventivato (Calamai in primis) che potevamo vedere oggi una Fiorentina completamente diversa, nell’atteggiamento ed anche nel gioco. E devo dire che mi sentivo abbastanza in sintonia rispetto a questa previsione.

Non ho visto in TV la gara. Però possiamo partire dalle premesse. Sono convinto che abbiamo un potenziale più forte della nostra classifica. Cosa fra l’altro vera anche per quella della stagione passata. Come mi sembra chiaro che Iachini abbia capito che un vero limite di questa squadra al suo arrivo era la paura di perdere. Paura che paradossalmente scompare quando giochi sapendo che puoi fare solo meglio di quello che i tifosi, la società si aspetta dalla gara. Cosa è successo allora oggi al Franchi? Intanto ci sono state delle risposte alle criticità maggiori che anche noi abbiamo sottolineato. Prima di tutto Boateng non è stato convocato. Pulgar sembra aver giocato con maggiore personalità. E mentre Lirola aveva già dato segnali positivi ed oggi è riuscito ad essere ancora più incisivo, anche Dalbert è uscito dal suo stato Frozen, provando a fare un po’ il giocatore di fascia. Se ci aggiungiamo l’ennesima prestazione di Castrovilli ed una coppia di punte che danno peso e sostanza alle azioni viola, ci possiamo spiegare questa bella vittoria. Ha influito ovviamente anche la voglia e determinazione “alla Iachini”, un po’ di fortuna e forse un po’ di appagamento nella formazione di Gasperini.

Certo, un po’ deve far riflettere se le prestazioni di gente come Pulgar e Dalbert sono così condizionati dal livello di stress delle partita. Perché alla fine se la Fiorentina vuol ritornare a combattere per certi obiettivi, la personalità rimane un requisito essenziale. Personalità che non manca certo al nostro Castrovilli. Ha però steccato secondo me nelle dichiarazioni finali: partita della svolta. Concetto ovviamente ripreso anche da vari commentatori. Le svolte, quando ci sono, si capiscono e si studiano sempre a posteriori. Come ha detto Iachini, dobbiamo solo pensare alla gara con il Napoli. Abbiamo vinto, abbiamo passato il turno e allora avanti, senza svoltare. Avanti cercando invece di andare dritti sul percorso di crescita nel gioco, nella consapevolezza, nell’atteggiamento sempre combattivo.

In quanto a steccare nelle dichiarazioni, nessuno può combattere con il campione Gasperini. Che non a caso, pur essendo bravo, è stato mandato via a calci nel sedere da una società importante e nessun altra per ora ha avuto il coraggio di prenderlo. Quanto detto riguardo le mamme dei tifosi non ha giustificazioni, non ha nessuna logica, dovrebbe solo richiamare una posizione ufficiale da parte della giustizia sportiva.

3 Commenti

  1. Aléééééé Ohhhh Ohhhhhh!!!

    Ho visto la partita fino al 75-esimo e non ero tra quelli che la pensavano come Calamai (che la pensa sempre in tutti i modi così da poter dire “io l’avevo detto”). Infatti, quando ho spento la TV, ho pensato “ora ce ne fanno una balla”. Invece…

    Invece la Fiorentina ha giocato tutta la partita con atteggiamento propositivo e tenace. Le ha prese e le ha date. Fortuna ha voluto di averne date una in più. Oserei dire che Gasperini è un buon allenatore, ma sa far andare le sue squadre solo a 1000. Quando la partita va gestita le sue squadre non lo sanno fare. Inoltre, ieri, ci ha clamorosamente sottovalutato. Un cordiale vaf a lui e il bradipo Sloveno che sono tornati al casa con l’animo parecchio di traverso.

    Venendo alla partita bravi tutti meno Pezzella, che compare negativamente in tutte le occasioni favorevoli all’Atalanta, sempre in ritardo, sempre in affanno, sempre lui il buco centrale della nostra difesa.

    Vanno nominati extra sia Lirola, finalmente un gol, sia Dalbert autore di una bella azione sull’1-0 e molto più bravo a difendere rispetto a Biraghi. Possibile che sia Brasiliano e abbia i piedi come mattoni?

    Un’extra anche per Vlahovic: grave errore sotto porta, tante giocate semplici sbagliate, ma un grande sacrificio a tutto campo e un’ottima capacità di difendere palla e farsi fare fallo spalle alla porta.

    Patrikke, niente male, gol e tenacia. Per un’opinione più completa aspettiamo la fine del campionato.

    Bravo anche Terracciano, sicuro al punto giusto.

    Mi fa piacere che anche Benassi appaia tra i protagonisti di questo scorcio positivo di stagione. Non è un fenomeno, dovrebbe migliorare la fase difensiva, ha sbagliato tanti passaggi facili, ma si merita mooooolta più fiducia del Croato tornato per amore.

    C’è da lavorare molto ma quando si vince si lavora con più gusto. Vai Beppe!

  2. A Bologna e con la Spal ho visto atteggiamenti difensivi di Dalbert da brividi… che nemmeno nel calcetto del venerdì sera. Spero davvero che a questo ragazzo sia mancato in questi mesi un po’ di personalità e si sia fatto trascinare nel vortice della paura. Però ancora ha tutto da dimostrare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.