Ma chi siamo noi?!

Dopo la vittoria gagliarda con l’Atalanta in coppa Italia ed i tre punti portati via da Napoli con una ottima prestazione tattica, tecnica e fisica, mi viene oggi da esclamare: ma chi siamo noi?! Un’affermazione che ha ovviamenti toni esaltati e trionfalistici. Poi uno pensa al grigiore post-autunnale montelliano. Ma anche alle prestazioni poco rassicuranti di Bologna e contro la Spal. E allora la domanda è: ma chi siamo noi veramente?

Proviamo allora ad analizzare la partita ed anche le mosse di Iachini. Sappiamo bene che negli uomini Iachini ha cambiato molto poco. Due mosse apparentemente scontate, ovvero fuori Badelj e dentro Benassi. Fuori il falso nove e dentro una punta. C’è sicuramente da ribadire il nuovo approccio (anche fisico) alla partita e l’atteggiamento in campo. Però occorre sottolineare le scelte tattiche. Pochissime ripartenze dal basso. Si cerca di conquistare palla, non necessariamente alti, in modo da ri-impostare da dietro ma partendo vicino alla linea del centrocampo. E spesso si cerca i due laterali. Che adesso però non sono più soli, perché c’è Castrovilli ad aiutare Dalbert e Benassi ad aiutare Lirola. Pulgar fa più filtro che gioco, scaricandolo un po’ da giocate forzate. E comunque quando c’è bisogno si fa trovare pronto nel mezzo. E gli stessi Castrovilli e Benassi li troviamo ad occupare almeno alternativamente l’area di rigore. Davanti Chiesa e Cutrone sanno accorciare, ma anche dettare il passaggio in profondità. Insomma nella sostanza, una rivoluzione tattica. I giocatori in questo modo sembrano aver trovato più certezze e quindi giocano meno timorosi. E’ abbastanza emblematico il cambiamento dei laterali. Lirola in particolare si sta portando sui livelli del giocatore che ci aspettavamo. Su Dalbert rimangono ancora dubbi, anche perché ha ancora letture e giocate dubbie. E la cosa che più mi fa pensare è che questo giocatore va per i 27 anni, fra i più grandi dei titolari. Sabato prossimo sarà squalificato. Sono curioso di vedere che opzione sceglierà Iachini.

Poi ovviamente ci sono le individualità. Un Castrovilli impeccabile. Un Chiesa in netta crescita. Cutrone che anche ieri ha dato segnali veramente incoraggianti. Basta solo pensare al gol (annullato) che aveva fatto. Vlahovic che si fa trovare pronto… forse ancora di più quando parte dalla panchina. E Benassi che sbaglia ancora qualche passaggio di troppo, ma è quasi sempre al posto giusto. Ieri ha fatto un assist bellissimo e una conclusione al volo da fuori che poteva essere un altro euro-gol.

Da dire anche che abbiamo trovato un Napoli veramente brutto, che spesso si rifugia orami nelle sue giocate storiche, ma sempre più innocue. Quindi oggi possiamo essere un po’ più sereni, ma è ovvio che non possiamo troppo cullarci sugli allori. Sappiamo bene che abbiamo una serie di partite davvero impegnative, compreso il quarto di Coppa Italia a Milano, apparentemente proibitivo. Serve che arrivi quanto prima un rinforzo a centrocampo. A questo punto è palese che manca una alternativa ai due Castrovilli-Benassi. Se fosse anche un titolare, meglio ancora. Ed una alternativa serve anche dietro. Non mi meraviglierei che anche Pradé aspetti le mosse di Iachini di sabato, per capire come rinforzare la difesa viola.

1 Commento

  1. Effettivamente… chi siamo?

    Di sicuro ora siamo quelli che difendono un po’ di metri più indietro di prima, che non fanno pressing forsennato qualsiasi sia il risultato, l’avversario e il minuto di gioco. Siamo anche quelli che non si vergognano a sparacchiare il pallone il più lontano possibile dall’area di rigore. Però non mancano sprazzi di gioco, oserei dire bel gioco. Ieri, forse con la collaborazione del Napoli, il primo gol è stato da manuale.

    Poi siamo anche un po’ più fortunati di prima, vedi Spal, vedi Atalanta, vedi Napoli. Diciamo che Beppe si è preso la fortuna che è mancata prima. Però parla chiaro e gioca chiaro, onesto e pulito.

    E onestamente ha messo Badelj in panchina, perché nel calcio di oggi chi non corre sta seduto, poi ha ridato fiducia ad una squadra che l’aveva persa dopo sei mesi sotto la guida di un allenatore fenomeno. Fa ruotare le persone, infatti non è mai partito con la stessa formazione e predica soltanto lavoro. Lavoro. Lavoro.

    Sui singoli non ho niente da dire di diverso da te. Semmai che la rosa è corta a centrocampo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.