Sconfitta di gioventù

Stasera si parla ovunque di una Fiorentina tenace, come il proprio allenatore, che esce a testa alta dalla Coppa Italia. In parte è vero. Però c’è anche rammarico, perché è stata un po’ una sconfitta di gioventù. Intesa non solo come età, ma anche come livello di consolidamento dello schieramento messo in campo. Praticamente nuovo, non solo nell’era Iachini. Concedere oggi assenze come Pezzella, Castrovilli e Ribery è difficilmente sostenibile, senza ipotizzare leggerezze, sviste, letture errate. Sono state infatti causa di un gol arrivato praticamente con le squadre pronte al riposo. Un malinteso, la scivolata di Ceccherini e frittata fatta. DOpo il pareggio, c’è stato poi la doppia azione di Chiesa. La prima con cui è arrivato al tiro non servendo Cutrone che aveva fatto un movimento bellissimo e sarebbe stato davanti al portiere. La seconda con cui ha messo in effetti Vlahovic davanti al portiere. Al ragazzo è mancata la freddezza e ha tirato male sul portiere. E poi il gol di Barella, bello, però davvero troppo solo al limite dell’area di rigore. Premesso che Badelj sta ancora facendo molta fatica ad entrare nel ritmo gara, Pulgar e Benassi sembrano davvero un po’ leggerini. Spero davvero che Duncan possa essere l’uomo giusto.

Ho visto commenti positivi su Dalbert. A me è piaciuto soprattutto Lirola. Sul brasiliano ho ancora molti dubbi. Ha fatto qualche bel recupero in extremis. Però sembra sempre un po’ disarticolato dalla gara. Sa andare su e giù, non avendo però spesso chiara l’idea tattica da portare avanti. Cosa diversa Lirola che quando serve si avventura senza paura anche entrando nel centro del campo. Non è un caso che si parla in queste ore di terzini sinistri. Le punte hanno fatto gara di sofferenza e comunque si sono battute. E alla fine sono contento quando un attaccante si crea occasioni come quella di Vlahovic. Significa che è in partita e sempre attento. Poi, come dice Pradé, ci vuole la cattiveria giusta.

Sapevamo che era una gara proibitiva, date anche le assenze. Però le partite poi vanno giocate e spesso sono i particolari a fare la differenza. La Fiorentina l’ha giocata ed il particolare è stato che l’Inter è stata squadra molto più matura e cinica. E non è un caso che negli ultimi 5, 6 minuti, compreso i tre di recupero, si sarà giocato al massimo un paio di minuti. Ed anche qui, forse veramente stanchi, non abbiamo avuto il piglio per fare pressione all’arbitro ed imporre più gioco. Poi magari ci dovrebbero spiegare perché 3 minuti, che ci sono stati, oltre le 6 sostituzioni, 2 controlli var, un po’ di palle buttate fuori per (presunti) infortuni. Da dire comunque che il lavoro di Iachini sul piano caratteriale e di atteggiamento è davvero buono e penso miglioreremo ancora. Adesso c’è bisogno dei ritocchi dal mercato, perché se azzecchiamo qualche inserimento, questa squadra può ancora dire qualcosa in questa stagione.

3 Commenti

  1. Per il momento ci accontentiamo tutti di aver giocato bene, di aver avuto la palla del 2-1 e di aver perso. Siamo giovani, inesperti e in costruzione…

    A Iachini non si può rimproverare niente (anzi una cosa sola e lo dirò più avanti), perché una Fiorentina palesemente inferiore all’Inter sul piano tecnico ha giocato alla pari, è stata sempre in partita, ha avuto le sue buone occasioni e, diversamente da quello che dice Conte, ha preso due gol nelle uniche due occasioni avute contro. Di cui una regalata da noi. Quante parate ha fatto Drago?

    Così come tutti si sono accorti che Pezzella sta diventando un problema, bisogna accorgersi che lo sta diventando anche Chiesa: non fa gol e non difende. Che fa? Prende palla e prova a scartare. Scelta sua o scelta dell’allenatore non so, ma se in serie A non fai gol e non difendi ti accomodi in panchina oppure cambi lido. Simeone valeva 30 milioni e sembrava il nuovo Batistuta, oggi gioca a Cagliari, e fa ridere come faceva da noi. Chiesa, che di milioni ne vale addirittura 80, è esaltato come il nuovo Edmundo ma l’unica cosa che ha di buono è il nome, quello di suo babbo. Se ritorna a giocare umile e sulla fascia può dare il suo contributo, altrimenti preferirei dare spazio a Sottil che ha nettamente più potenzialità di lui nel ruolo di seconda punta.

    Cosa rimprovero a Iachini? Per me non si può far giocare Cutrone sulla fascia e Vlahovic centravanti. Non che Vlahovic non lo sia, ma Cutrone lo è molto di più.

    E domenica ci sono i gobbi!

  2. Alla difesa non si può rimproverare niente, a Ceccherini nemmeno, è scivolato e il fatto di essere riserva di sicuro lo fa sentire meno sicuro negli interventi. Bastava spazzare.

    Pulgar e Benassi hanno giocato in un centrocampo a due e hanno pensato sopratutto a difendere con risultati confortanti. L’Inter l’ha vinta con due giocate individuali, una nostra e una loro.

    Dalbert, purtoppo per lui, ha dei piedi sul medio-lungo che sono scandalosi per un Brasiliano e, sicuramente, non ha intelligenza calcistica. E’ forte fisicamente e bravo nel difendere, ma andrebbe rivisto tutto il suo modo di offendere. Fossi io l’allenatore gli proporrei di giocare centrale di difesa, ma io non sono l’allenatore e lui è in prestito. Perciò inutile perdere tempo.

    Il mercato dovrebbe aver consegnato a Iachini qualche giocatore nuovo, fosse meglio di quelli che abbiamo già in squadra…

    • Qualche commento ai commenti in gran parte condivisibili di Simone:
      1. ho dubbi su Dalbert centrale, perché li prima del fisico conta l’intelligenza tattica del difensore. Al limite terzino nella difesa a quattro.
      2. Benassi e Pulgar si sono dati da fare, ma sono stati spesso messsi in mezzo dal centrocampo dell’Inter.
      3. Chiesa deve migliorare ancora su due aspetti: cervello aperto quando arriva ai 16 metri, perché ci possono essere giocate molto più incisive che tirare in porta; piede caldo ma sangue freddo quando decide comunque di tirare in porta… Ma questo non ci deve far chiudere gli occhi su tutto il resto.
      4. che poi è quello che fa la differenza nei goleador. Iachini ha detto che fra qualche anno Vlahovic quel gol lo fa senza problemi. In generale una punta inizia a diventare un “serpente” non a caso dopo i 25 anni. Sono eccezioni quelli che fino a quell’età riescono ad andare sopra i 15 gol. Cutrone non l’ha mai fatto. Belotti (che va per i 27 anni)una volta sola, Belardi mai, Petagna che ha quanto Simeone (va appunto per i 25) ne ha fatti 16 lo scorso anno, nel resto sempre sotto 10.
      Nonostante tutto, il calcio è un giochino semplice, ma fare gol è molto difficile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.