Rivoluzione di gennaio

Penso che da quando esiste la sessione di mercato invernale, la Fiorentina non sia mai intervenuta sulla squadra in questo modo. Se ci aggiungiamo che Iachini ha affermato che la società avrebbe voluto fare di più e che sono state fatte due belle operazioni per il prossimo anno, si può parlare davvero di rivoluzione di gennaio per la squadra viola. Certo, come ogni rivoluzione, anche questa è figlia di malcontenti e disagi. Li avrà esperessi sicuramente Iachini, ma penso che, come tutti, le aveva ben chiari anche Pradè. Praticamente si è rivisto il concetto di centrocampo e di attacco dove in pratica sono stati padellati tre acquisti importanti in estate: Pedro, Boateng e Badelj. Penso che Iachini abbia un po’ di mal di pancia anche per la difesa e in particolare per la parte sinistra. Ha voluto e ottenuto Igor e penso che il mercato mancato si riferisca in particolare ai no di Criscito prima e Laxalt dopo. Insomma, mentre Iachini ha trovato in Lirola un interprete all’altezza sull’esterno destro, penso abbia molti dubbi dalle parti di Dalbert. E’ mancato forse anche un centrale di maggiore affidamento, visto anche il momento non brillante di Pezzella.

Detto questo, Igor, Duncan, Cutrone sono sicuramente tre potenziali titolari per la squadra di Iachini e Agudelo un giovane di prospettiva, ma molto più pronto di Zurkowski.. Koumé e Amrabat sono poi due acquisti davvero interessanti per il prossimo anno e quindi non possiamo che dare almeno un bel 7 pieno a questa rivoluzione di gennaio. Penso sia stato giusto anche mandare a giocare Montiel e Ranieri. Forse valeva la pena mandare anche Sottil in qualche squadra di A a farsi ossa e carattere. Però è evidente che Iachini non vede per niente Ghezzal, altro acquisto misterioso.

Si parla di un mercato da circa 70 milioni. Di 70 milioni si parla anche della cifra su cui la Fiorentina pone la base per un’eventuale partenza di Chiesa. Si potrebbe facilmente fare due più due, ma in questo momento dobbiamo solo essere concentrati sul campionato. DOmani appunto, ci sarebbe un certo Juventus – Fiorentina.

1 Commento

  1. Una precisazione: Pedro poteva anche essere sbagliato, un azzardo è concesso. Boateng è stato un flop assoluto ma poteva essere un ripiego. Badelj nooooo!!! E dietro Badelj c’è stata la manina di Montella…

    Ghezzal invece proprio ieri ha giocato e non ha demeritato per niente…

    Riguardo a Chiesa per 50 milioni lo porto io a Torino o a Milano. Basta che se ne vada.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.