Disarmati

Quella di sabato con l’Atalanta è stata sicuramente una brutta sconfitta. Una di quelle che gela gli entusiasmi e ti rimette pensieri. L’Atalanta è sicuramente la migliore squadra italiana in fase di possesso. Ha qualità di palleggio, gioca a memoria, sa fare pressing alto, sa concludere dalla distanza, occupa l’area di rigore in modo totale e poi ha qualche individualità sopra la media. Tutti quindi possono subire ed andare in difficoltà. Però è una squadra che dietro concede. Che si può infilare. Lo avevamo dimostrato già a Bergamo (dove avevamo Ribery) ed anche in Coppa Italia. Sabato invece ho contato due azioni pericolose, quella di Curtone nel primo tempo. Quella di Vlahovic nella ripresa. Il gol di Chiesa, seppur bellissimo, è venuto in modo un po’ estemporaneo. Pur non volendo essere in questa fase una critica al giocatore, ritengo Cutrone un giocatore molto simile a Simeone. Grossa dedizione, lo trovi a difendere anche negli ultimi 20 metri. Molto dinamico, sa andare in verticale. Però non è un goleador. E neppure uno che riesce a far salire la squadra. Vlahovic ha queste caratteristiche, ma deve ovviamente crescere ancora. Se ci mettiamo un centrocampo un po’ fiacco (lo stesso Castrovilli deve ritrovare la lucidità pre-infortunio). Se ci mettiamo anche che nei calci da fermo gli avversari piano piano imparano a neutralizzare le nostre torri, si capisce perché ci troviamo così disarmati. E sabato comunque il centrocampo è mancato soprattutto nelle due fasi. Leggerini nel pressare e aggredire la mediana dell’Atalanta. Praticamente nulli nell’impostazione. Un po’ meglio i laterali Lirola e Dalbert. Purtroppo sabato ci si è messo anche una disattenzione di Milenkovic e di Dragowski sul 2 a 1.

Rimango dell’idea che a luglio la Fiorentina doveva puntare subito su una punta esperta da affiancare a Vlahovic, una che sapesse come buttarla dentro. Andava benissimo sencondo me Ciccio Caputo, che sarebbe venuto a piedi a Firenze, anche perché era ad Empoli. Detto questo, dal mercato abbiamo ancora la cartuccia Duncan da giocare, mentre ci stiamo avvicinando anche al ritorno di Ribery. E comunque, non sempre incontremo squadre come l’Atalanta. Dobbiamo però ancora stringere i denti, stare compatti, essere sempre aggressivi, concentrati e per ora continuare a guardasi alle spalle, perché si entra nel vivo del campionato ed anche dietro iniziano a correre.

1 Commento

  1. Ohhhh… Ho atteso questo commento con molta più trepidazione dei risultati di Sanremo 🙂

    Effettivamente l’Atalanta è più forte di noi e il nostro jolly lo avevamo già giocato in Coppa Italia, non potevamo giocarlo anche in campionato.

    Per fortuna non vedo ancora Cutrone come Simeone, lo vedo più come uomo da area di rigore. Con Cutrone uno scambio riesci a farlo, un triangolo lo sa chiudere, cosa che a Simeone non riesce per niente. Non lo vedo nemmeno così dedicato alle chiusure come il Cholito. Molto meglio per un centravanti.

    Chi vedo molto simile a Simeone è, purtoppo, Federico Chiesa. Entrambi hanno babbi famosi, entrambi hanno sogni ambiziosi, entrambi sono già in parabola discendente a poco più di venti anni. Voglio vedere dove sarà Chiesa appena persa l’esplosività. Simeone è a Cagliari e manna… Poveri loro e poveri noi…

    Chiesa dovrebbe prendere come esempio Gomez dell’Atalanta che ha fatto più volte tutta la fascia e ha mostrato al ragazzino che vuol dire giocare in serie A. Chiesa o chi per lui, babbo, società, allenatore, deve prendere coscienza di non essere una punta, né prima, né seconda, nemmeno terza. Chiesa è un buon uomo di fascia più di quantità che di qualità. In questo senso ha più potenzialità di Simeone che si ritrova davvero con due piedi come mattoni (non troppo diverso da Rebic), almeno quelli di Chiesa sono un pochino più delicati. Per assurdo anche Ilicic ha fatto più lavoro in copertura di Chiesa. Possibile? Sigh!

    A questo punto tocca a Beppe mettere in mostra il cambio di passo, il 5-3-2 va bene per giocare contro gli squadroni, ora dobbiamo mettere in campo una squadra in grado di fare gioco. Nel calcio di oggi le barricate vanno bene gli ultimi minuti, non tutta la partita.

    E’ tempo di provare a giocarsele tutte. Quattro difensori con i terzini parecchio bloccati, una linea di tre centrocampisti dove i sicuri sono solo Pulgar e Castrovilli, e tre con Cutrone centravanti, Vlahovic seconda punta, una terza punta tornante che potrebbe essere Chiesa.
    4-5-1/4-1-4-1 per difendere e 4-3-3 per offendere. Perché non si comincia a giocare così?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.