Pareggio dai due volti

Pensavo di sottolineare il risultato della Fiorentina contro il Milan come un grande pareggio da piccola. Che in parte forse è vero, ma mi sembrava un po’ riduttivo per la prova di carattere dei viola. Per 60 minuti abbiamo giocato poco, sempre raccolti nella nostra tre-quarti ad aspettare il Milan. E Iachini è stato sincero. L’avevamo preparata così. Magari si aspettava qualcosa in più nelle nostre ripartenze. Però Castrovilli veniva sempre chiuso almeno con 3 giocatori. Pulgar non ha (ancora?) i numeri da regista. E anche Duncan è sembrato un po’ sperso in questa situazione. Lanci lunghi lasciati spesso a Caceres da dimenticare. A destra, Lirola e Theo si sono abbastanza annullati, mentre a sinistra Dalber ta ha sofferto un po’ Castillejo. Devo dire che nonostante il predominio territoriale, il Milan ha avuto solo una grossa occasione. E nonostante tutto qualche occasione l’avevamo avuta anche noi. Poi c’è stata la leggerezza di Caceres (non la prima a dire il vero) ed il classico gol dell’ex, fra l’altro con una deviazione determinante di Pulgar. Il tiro del croato infatti non sembrava irresistibile. Poi l’espulsione, secondo me molto molto severa. Prima di tutto il fallo è stato fatto alcuni metri più indietro da dove è stata battuta la punizione. C’è il contatto, ma Ibra fa movimento ad allontanarsi e poi anche si lascia cadere. Insomma il giallo ci poteva stare benissimo. Giallo ci stava anche sul fallo di Conti su Chiesa che aveva chiesto uno-due a Duncan, che invece ha dovuto calciare in porta in posizione non buona. E Conti era già ammonito.

Con la Fiorentina in 10 Iachini rivoluziona la squadra. Dentro Cutrone e Igor, fuori Lirola e Castrovilli. Chiesa messo a correre sulla fascia, Duncan prende più poteri in mezzo al campo. Cutrone una furia davanti e Vlahovic quasi fantasista centrale. Ecco il nuovo volto della Fiorentina, senza freni, spregiudicata, brillante. Quello che tutti i tifosi vorrebbero da questa squadra di giovani. Una viola che sicuramente soprende il Milan, concentrato sul come chiudere la partita contro la piccola Fiorentina. Prima Vlahovic spreca, poi il rigore. Secondo me ci sono pochi dubbi. Romagnoli sfiora la palla che rimane a portata di Cutrone, gli pesta il piede e lo spinge. Toccare la palla non è una sanatoria a prescindere per un difensore. Ecco concretizzato da Pulgar il pareggio dai due volti. E alla fine l’occasione d’oro da tre punti ce l’ha proprio la Fiorentina, con Caceres prima e Vlahovic in ribattuta.

Ancora Iachini vuole pensare e far pensare i propri giocatori da piccola. E forse è giusto così perchè la classifica è ancora insidiosa. E adesso arrivano le partite in cui la Fiorentina deve fare ciccia. Però questo pareggio dai due volti può aver messo un po’ di convinzione per pensare anche un po’ più da grandi.

2 Commenti

  1. E quale sarà la vera Fiorentina? Quella che gioca da piccola o quella che gioca da grande?

    Perché con il Milan, una squadra alle barbe, non è possibile giocare tutti dietro come abbiamo fatto noi. Mi va bene alternare momenti della partita in cui si può anche giocare 5-3-2, tutti dietro e palla sparata via, ma non tutta la partita. Contro l’Udinese che faremo? Si rigioca in quel modo? Occhio perché con la Spal ci ha detto molto bene, non solo non dovevamo vincere ma non dovevamo nemmeno pareggiare. Insomma… Beppe è l’ora di svegliarsi, dici di non essere un difensivista ma al momento abbiamo visto solo il supercatenaccio. Montella con Udinese e Brescia gioco male e strappo 4 punti. Te riuscirai a fare meglio?

    Avendo deciso di dare fiducia a Chiesa, l’hanno deciso loro e non io, è assolutamente necessario far giocare Chiesa più indietro. Il passo in avanti lo faremo solo quando Beppe si deciderà a mettere Chiesa per davvero sulla fascia, a dargli l’occasione di giocare l’uno contro uno in velocità, non l’uno contro due o tre. Mettiamo Chiesa a fare il tornante alla Massaro dei primi tempi: corsa, sacrificio, forte presenza in campo anche in fase difensiva e poi fascia libera nei contropiedi. Così facendo ci rafforzeremo in mezzo, lasceremo le nostre due punte (Vlahovic e Cutrone) a fare le punte.

    Perché tutta questa paura a giocare a quattro dietro? Milenkovic, uno tra Pezzella e Caceres, e i due terzini che attaccano meno e sono più coperti dall’ala. Poi va bene giocare anche sulla riga della nostra area di rigore, ma schierati diversamente e con maggiore densità davanti.

    Poi due parole sulla partita: il gol lo abbiamo regalato noi, l’errore è stato a mezzo tra Caceres e Pezzella (stagione sotto tono), poi Rebic ha trovato anche l’autorete altrimenti non sarebbe stato in grado di fare gol.

    Duncan per ora mi sembra poca roba. Avrà bisogno di ambientarsi. Castrovilli farà il passo decisivo in avanti quando imparerà a toccare il pallone sempre una volta in meno.

  2. Parto dalla fine. Concordo su Castrovilli. Non so se si è caricato un po’ troppe responsabilità per “creare qualcosa” o se è proprio un suo modo di fare. In entrambi i casi, deve imparare a non strafare, anche perché ha la capacità nell’incipit di ogni sua azione di creare qualcosa di interessante e quindi deve capitalizzare meglio.
    Duncan invece non mi ha fatto una brutta impressione. Da rivedere, ma sono fiducioso.
    Per il resto, parli di difesa a 4 e Chiesa laterale, quindi immagino un 4-4-2? Chi sarebbe semmai l’esterno di centrocampo opposto? E soprattutto chi i due centrali di centrocampo? MI sa sarebbe un po’ sacrificato Castrovilli da questo modulo, almeno di non mettere proprio lui sulla fascia sinistra. Si potrebbe in alternativa parlare di 4-3-3, con Chiesa e Vlahovic larghi, magari a piedi invertiti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.