Anticorpi: da Udinese Fiorentina a Fiorentina Brescia

8 marzo 2020: Udinese – Fiorentina: 0 – 0. Partita surreale, ad un giorno dal lockdown definitivo, probabilmente con già contagi in atto.

22 giugno 2020: Fiorentina – Brescia: 1 -1. Il riavvio in fase 3, dopo che per tutta la fase 2 sembrava improbabile poter riprendere il campionato.

Fra la 26-esima e la 27-esima giornata del campionato sono trascorsi tre mesi e mezzo, ma sopratutto è cambiato il modo di vivere. Capisco lo sforzo di ritornare alla normalità, ma dove sono i presupposti per mettere a confronto le partite di questi giorni con quelle che le hanno precedute mesi fa? Questo per dire che dell’articolo di Simone condivido solo il titolo. C’è delusione, perché nonostante tutto abbiamo fatto due gol, annullati per un dettaglio casuale di centimentri, abbiamo preso la traversa, abbiamo sprecato per qualche centimetro ottime occasioni. Ma mi sembra addirittura un’ovvietà dire che è stata una partita-zero, che non ammette confronti. E prendersela con i singoli, senza avere la minima idea di come ciascuno può aver vissuto questi tre mesi e mezzo, mi sembra inappropriato. Mi piace sottolineare il buono che ho visto in Ribery, in Vlahovic, in Pulgar, ma anche nei criticati Chiesa e Castrovilli. Mi piace pensare che c’è del talento.

In realtà volevo però spostare un po’ il target, almeno per questa prima giornata. Mi interrogavo, infatti, e mi piaceva chiedere se dopo mesi di lockdown ci sentiamo di aver sviluppato maggiormente anticorpi per sconfiggere le barriere imposte da questo virus, o se hanno preso il sopravvento gli anticorpi verso un calcio sempre più autoreferenziale, autocelebrativo, ma completamente non autosufficiente, visto che ha senso solo con i soldi che i tifosi danno alle TV, che danno alle società.

Ho avuto un po’ timore a darmi risposta. Diciamo non ho avuto poi neppure coraggio di chiederlo a Simone. Poi dagli spogliatori escono i ragazzi. Non sono certo le notti magiche di 30 anni fa, ma alla fine è difficile rinnegare quel sogno che comincia da bambino. E in questa fase in cui c’è tanta incertezza se abbassare la maschera o no, ci sarebbe il desiderio che questi ragazzi potessero riprendere a giocare senza farsi danni e farne a terzi, così come per i bambini, che ri-iniziano a giocare con i loro amici.

Facciamoli giocare allora questi ragazzi. E’ vero che c’è un po’ di apprensione per la classifica. Ma se veramente possiamo ritornare alla normalità, mi sembra che ci siano tutti i presupposti per tornare a divertirci con la nostra Fiorentina.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.